The Besnard Lakes

The Besnard Lakes Are The Dark Horse

2007 (Jagjaguwar) | alt-rock, psych-pop

Secondo disco per i canadesi Besnard Lakes, che fa seguito al debutto “Volume 1” del 2003 e al sorprendente gioiello di sapore shoegaze, rappresentato dalle due lunghe tracce pubblicate lo scorso anno dalla Static Caravan sotto il titolo “Would Anybody Come To Visit Me”. La band capitanata dal chitarrista Jace Lasek si presenta a questa attesa prova affiancata da illustri collaboratori della sempre vivida scena indipendente di Montreal, tra i quali spiccano Sophie Trudeau dei Silver Mt. Zion e Chris Seligman degli Stars. Non si tratta però di un album in qualche modo accostabile alle esperienze post-rock, né a quelle alt-pop proprie del retroterra artistico dei musicisti che a quest’opera hanno partecipato.

Gli otto brani compresi in “The Besnard Lakes Are The Dark Horse” spaziano, infatti, dalle tentazioni di pop-rock corale di “Disaster” alle derive psichedeliche, anche piuttosto intricate, di “Devastation”, che provano a compendiare reminiscenze della west-coast anni 70 e trame chitarrisitiche di più recente ispirazione britannica. Il tutto viene centrifugato con l’aggiunta di melodie ben congegnate e di pronto impatto, per quanto a volte un po’ prevedibili nei loro caratteri epici. L’impressione è che la tendenza a una certa magniloquenza espressiva disperda quanto di buono vi è nella scrittura della maggior parte dei brani; non a caso, i passaggi più convincenti risultano quelli più lenti e relativamente scarni, ove il rallentamento dei ritmi e il diradarsi delle citazioni dei Beach Boys lascia spazio agli accenni slow-core della prima parte di “And You Lied To Me” e alle eteree melodie dell’ottima “For Agent 13”.

Nel suo complesso, “The Besnard Lakes Are The Dark Horse” è un album che potrà senza dubbio incontrare i favori di chi apprezza Arcade Fire e My Morning Jacket, ma che non risponde appieno alle aspettative suscitate dalla band di Jace Lasek e dal gran numero di musicisti qui impegnati.

(03/05/2007)

  • Tracklist
  1. Disaster
  2. For Agent 13
  3. And You Lied To Me
  4. Devastation
  5. Because Tonight
  6. Rides The Rails
  7. On Bedford And Grand
  8. Cedric's War
Besnard Lakes su OndaRock
Recensioni

BESNARD LAKES

The Besnard Lakes Are The Divine Wind

(2017 - Jagjaguwar)
I canadesi pubblicano in edizione limitata la postilla all'album "A Coliseum Complex Museum"

BESNARD LAKES

A Coliseum Complex Museum

(2016 - Jagjaguwar)
Gusto dell'occulto ma approccio più "concreto" nella formula psych-rock della band canadese

BESNARD LAKES

Golden Lion

(2015 - Jagjaguwar)
Tre tracce che anticipano il quinto album della band canadese

BESNARD LAKES

Until In Excess, Imperceptible Ufo

(2013 - Jagjaguwar)
Quarto lavoro per la formazione canadese, fra classic rock e light shoegaze

BESNARD LAKES

The Besnard Lakes Are The Roaring Night

(2010 - Jagjaguwar)
Terzo album per la band di Montreal guidata da Jace Lasek e Olga Goreas, all'insegna di un epico ..

News
The Besnard Lakes on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.