Bright Eyes

Cassadaga

2007 (Saddle Creek / Universal) | songwriter, folk

C’era da scommetterci. Conor Oberts doveva fare il suo disco completo, quello destinato veramente a tutti, dove mostrare  talento (immane) e  presunte pecche (presunzione? Eccessiva ambizione?) col vestito delle migliori occasioni. E allora, dopo i due dischi in un sol colpo della volta scorsa, con nemmeno troppa sorpresa incontriamo un “Cassadaga” d’impostazione canonica, trapiantato nella sfera autorale americana più pura e studiato a tavolino con perfezione certosina. Inevitabile, per chi lo amò soprattutto nelle volute incertezze passate, evidenziare l’ulteriore conferma di un’evoluzione verso lidi sempre meno di nicchia (ma forse già prima non lo erano) e presumibilmente meno emozionali, eppure ancora ricchi di ispirazione. Solo maggiormente formale.

Dalla bassa fedeltà al tentativo di raccogliere l’eredità di chi, gli Stati Uniti, li vive sulla sua pelle, mischiando politica e sentimento, senza comunque deragliare mai in facile retorica. La certezza è una scrittura ormai pienamente consapevole, senza alcuna necessità di appigliarsi ad alcun paragone per essere caratterizzata. Il resto è folk costruito per essere ascoltato (e compreso) solo nella sua interezza, privandolo di eventuali clamori da facile immediatezza. Che pure non manca: è solo sviscerata in canzoni arrangiate con sorprendente precisione.

Tanti ospiti (M.Ward, John McEntire, Janet Weiss, oltre la solita cricca di casa Saddle Creek) per tredici episodi in cui la melodia non vuole subire troppi scossoni: pallide aperture surreali in salsa country (“Middleman”), aperture rock a dir poco classicheggianti (“Classic Cars”), la doverosa epica (“Clauradients”) e ballate trattenute per potenziali colonne sonore (la conclusiva “Lime Tree”). Un tuffo nel passato, ma appena accennato, nel caracollare di “I Must Belong Somewhere” e nella conosciuta “Four Winds”, eppure proprio in questi momenti si comprende come, per convincere e convincersi pienamente, a Oberst manchi oggi un pizzico di senso della misura.

“Cassadaga” è un buon disco, difficile da criticare per tutti i motivi prima elencati, tuttavia la mancanza delle folgorazioni nevrotiche di ieri non può che far auspicare una nuova miscela, in cui tutto si mischia per esaltare quelle qualità talmente palesi da poter cancellare ogni impressione negativa.

(07/04/2007)

  • Tracklist
1. Clairaudients (Kill Or Be Killed)
2. Four Winds
3. If The Brakeman Turns My Way
4. Hot Knives
5. Make A Plan To Love Me
6. Soul Singer In A Session Band
7. Classic Cars
8. Middleman
9. Cleanse Song
10. No One Would Riot For Less
11. Coat Check Dream Song
12. I Must Belong Somewhere
13. Lime Tree
Bright Eyes su OndaRock
Recensioni

BRIGHT EYES

The People's Key

(2011 - Saddle Creek)
Ritorno e commiato per la creatura di Conor Oberst

Bright Eyes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.