Larsen

Musm II

2007 (Important Records) | ambient, post-rock

Ormai i Larsen sono una certezza. Un fenomeno quasi straordinario per l'Italia, visto anche che questa musica di "mediterraneo" ha davvero poco. Nel decennale dalla nascita della band torinese viene pubblicato dall'ottima (e sempre lungimirante) Important Records: una raccolta di brani mai inclusi nei vari album pubblicati. E se ci si addentra nel magico mondo dei Larsen, una via d'uscità è dura da trovarsi.

Immergersi in mondi in bilico fra respiri tzigani, spasmi post-rock e riverberi ambientali è peculiarità indiscutibile del gruppo. E non ci si lasci andare a noncuranza dettata da idiosincrasie varie nei confronti di quello che, ormai, potrebbe pure essere bollato come genere decrepito. Perché in queste sedici tracce si coglie l'evoluzione del suono, un suono che appare solare nella sua mestizia, che pare non voler conoscere limiti di tempo e di spazio, che procede su onde fresche e malinconiche, in un moto perpetuo e lentissimo.

E se questo non bastasse, si aggiunga che qui, tra outtake e remix vari, anche il buon Michael Gira, il boss della Young God, ci ha messo lo zampino. Allora, direte, l'acquisto immediato è d'obbligo. Esatto. Perché in questi 65 minuti circa di musica si respirano melodie ampie, note che non annoiano, spartiti che si legano gli uni agli altri in modo unico. E basti ascoltare l'introduttiva "Montage" per capire a cosa ci si troverà davanti: avvio ambientale cesellato da riverberi lontani, apertura melodica verso lidi mitteleuropei e chiusura fra le corde di una chitarra elettrica. E se "Impro #2 (Alt Mix)" pare uscita dall'ultimo disco degli XXL, gli oltre sette minuti di "Intermezzo (Alt Mix)" rievocano le partiture più lente e cadenzate dell'universo Mogwai. E come non rimanere deliziati di fronte ai lisergici campanellini di "How A Mosquito Operates" o alle maestose melodie di "Ogham The Melody"?  Appunto, è impossibile. E poco importa allora che qui si parli di "scarti".

I Larsen hanno gran classe, e si sente. Da "No Arms, No Legs, Identification Problems", passando per "Rever", "Play" e l'ultimo "SeieS" hanno saputo con costanza e maestria diffondere anche oltreoceano, rendolo forse più noto che in patria, il loro sound, commistione unica di generi appartentemente difficili da amalgamare. La non semplice operazione potrebbe trovare perfetto sunto proprio in questo disco. Bellissimo.

(24/08/2007)



  • Tracklist
  1. Montage
  2. Heidi 037
  3. Rebirth
  4. Impro #2 (alt mix)
  5. Mentre (alt mix)
  6. Intermezzo (alt mix)
  7. Impro #1 (instrumental mix)
  8. Little Nemo
  9. How A Mosquito Operates
  10. The Sinking Of The Lusitania
  11. Gertie On Tour
  12. The Centaurus
  13. Vegetable Man
  14. Ogham The Melody
  15. Il Sogno di Momi
  16. Rehearsal #1
Larsen su OndaRock
Recensioni

LARSEN

Cool Cruel Month

(2011 - Tin Angel)
La svolta organica della creatura di Palumbo e Schiavo, in collaborazione con una nuova cantante ..

Larsen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.