Willy Mason

If The Ocean Gets Rough

2007 (Virgin) | songwriter, country-rock, folk

Se si ricercano informazioni si scopre che questo Willy Mason è proprio un personaggio, viene da Martha Vineyard, Massachusetts, e dopo l’esordio acclamato di “Where The Humans Eat” del 2004, ha messo sul suo myspace una singolare iniziativa, l’”House Concert Tour” in cui invitava i fan a chiamarlo per tener un concerto dove volevano. A casa di qualcuno, a una festa, in un fienile o in un ristorante, ovunque; proposta tanto bizzarra quanto simpatica.
Nella sua musica invece di bizzarro non c’è proprio nulla, Willy ha poco più di vent’anni e una voce profonda e sofferta come se ne avesse il doppio, con questa dote canta ballate tra il country-rock e il folk, canzoni semplici che riflettono un’America di polvere e fatica, viaggi, solitudine, problemi e cose semplici.

L’iniziale “Gotta Keep Walking” è tutto questo, viaggio senza meta con qualcuno che ti ruba gli stivali, ma è solo un sogno e “she said/we gotta keep walking on”.
Mason, nella sua pur giovane età, si dimostra uno storyteller sincero, che parli di rapporti tormentati tra padri e figli (la dolcissima e povera “The World That I Wanted”) o dell’incertezza del domani (“We Can Be Strong”, dove emerge chiaro il fantasma di Townes Van Zandt), Willy riesce a creare atmosfere toccanti e reali.
Il songwriter americano a volte prova a riempire un po’ le orchestrazioni delle sue canzoni ma non sempre il risultato è gratificante; “Save Myself” è bruttina, “I Can’t Sleep” va meglio con la sua ninnananna di tenore beatlesiano, mentre “Ripide” possiede un ritornello solare e trascinante.

Se il country-rock di “When The River Moves On” e la title track dallo zuccheroso refrain sono piacevoli, lo stesso non si può dire di “The End Of The Race”; Mason però dimostra appieno le sue doti in altre due canzoni: “Simple Town” è perfetta nella sua desolazione folk sottolineata emotivamente da violoncello e archi, “When The Leaves Have Fallen”, invece, è una degnissima torch song di chiusura, prima parte per voce e chitarra, poi alla chitarra si sostituisce il piano e infine i due strumenti si armonizzano in un delicatissimo finale.

Un disco in cui non cercare cose strane e certamente non immune da errori o canzoni poco riuscite ma “If The Ocean Gets Rough” è anche (e soprattutto) un album fatto da uno storyteller molto genuino e naturale nel riversare emozioni e storie in musica.
Willy Mason non tenta di stupire, si limita a raccontare con la maturità della voce di un Townes Van Zandt o di un Richard Buckner, ma con tutta la sincerità dei suoi ventitré anni.

(21/05/2007)

  • Tracklist
  1. Gotta Keep Walking
  2. The World That I Wanted
  3. We Can Be Strong
  4. Save Myself
  5. I Can’t Sleep
  6. Riptide
  7. When The Rivers Moves On
  8. If The Ocean Gets Rough
  9. Simple Town
  10. The End Of The Race
  11. When The Leaves Have Fallen
Willy Mason su OndaRock
Recensioni

WILLY MASON

Carry On

(2012 - Fiction / Universal)
Il cantautore americano "tira avanti" tra sperimentazioni con la drum machine e divagazioni accennate ..

Willy Mason on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.