M.I.A.

Kala

2007 (XL) | dance

Maya Arulpragasam è una fascinosissima donna dalle origini cingalesi, figlia di un attivista politico e musicista con un'idea molto chiara: suscitare interesse verso un mondo dimenticato, facendo convivere invettiva e ballo ("scrivere cose importanti e farle suonare come nulla"). Le carte in regola per diventare sensazione. Il violento e fresco "Arular", disco d'esordio, uno dei più chiacchierati e apprezzati del 2005.
Un anno e mezzo dopo, il ritorno. Non inganni la copertina pseudo-patinata, "Kala" si pone nel solco scavato dal predecessore e ne continua la storia ("Somalia Angola Ghana India Sri Lanka Burma Bamboo Banga. It's a Bamboo Banga, I said Bamboo Banga"). M.I.A. non scherza affatto, e cerca per le sue, ehm, "cose da dire", i contenitori più appropriati.

Il suo capitolo due non è ossessionato dalla ricerca costante del singolo a ogni costo. Vira su equilibri difficili e involuti (la foresta gracchiante e assaltata in "Bird Flu", una bomba implosa; il basso scuro e ammiccante di "Mango Pickle Down River", cantata con dei bambini). Si apre a stili differenti (rivisita la disco-music in "Jimmy", chitarrina, batteria elettronica e violini; rallenta i battiti nella ipnotica mezza ballad "The Turn"). Accumula sostanza e ritmi (gli squittii elettronici che spingono "World Town" e "XR2"). Cita, cita e cita (New Order, Clash, Pixies, Modern Lovers).
Il lavoro è smisurato e profondo, il risultato lascia gustare con piacere, anche più dell'esordio. Il talento, poi, sublima nella fantastica "Paper Planes", spaventosamente trasognata, fra coretti, spari e registratori di cassa (e un grandissimo testo).

"Kala" è disco centrato, seppur non un capolavoro, e probabilmente M.I.A. non ha ancora fatto detonare il suo potenziale a pieno e con costanza. Nonostante ciò, che artisti così coraggiosi finiscano per ricevere titoloni sulle pagine dei giornali, di qualsivoglia giornale, non può che essere un bene.

(29/09/2007)

  • Tracklist
  1. Bamboo Banga
  2. Bird Flu
  3. Boyz
  4. Jimmy
  5. Hussel (feat. Afrikan Boy)
  6. Mango Pickle Down River (feat. The Wilcannia Mob)
  7. 20 Dollar
  8. World Town
  9. The Turn
  10. XR2
  11. Paper Planes
  12. Come Around (feat. Timbaland)
M.I.A. su OndaRock
Recensioni

M.I.A.

AIM

(2016 - Interscope Records)
La chiusura del cerchio magico nel quinto disco della rapper britannica di origine tamil

M. I. A.

Matangi

(2013 - N.E.E.T./Interscope Records)
La selvaggia ribellione pop e l'omaggio alle proprie origini nel quarto disco dell’inglesina di ..

M.I.A.

/\/\ /\ Y /\

(2010 - XL Recordings)
Slash, controslash, cyber rap, assalti frontali e tanta sporcizia sonica nell'ultimo lavoro della ..

News
M.I.A. on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.