Moltheni

Io non sono come te

2007 (La Tempesta Dischi/ Venus) | songwriter

Basta ascoltare un qualsiasi disco di Moltheni (uno per tutti, “Splendore Terrore”), per rimanere sedotti dalla sua quieta, lucida e disperata concezione della vita e dei rapporti umani, veicolata da una voce piena di pathos discreto, fragile, perfidamente inquietante. I temi sempiterni dell’amore, della morte, della solitudine sono affrontati da Moltheni con un’apparente rinuncia all’ansia che fa quasi pensare a un perenne stato di “nirvana”.
A un anno dall’ispirata “Toilette Memoria”, il cantautore marchigiano incide per la Tempesta Dischi un mini-cd, “Io non sono come te”, dal quale sembra trasparire anzitutto una gentile misoginia verso il gentil sesso. “Tu” è croce e delizia impietoso del rapporto a due, decisamente sbilanciato verso la croce. Un’analisi a cuore aperto nella quale Moltheni riesce con eleganza a usare metafore non certo ortodosse del tipo “…è come pulirsi il culo con foglie d’ortica!”. 

Dopo l’iniziale strumentale "Risveglio", rilassato ed evocativo, il disco vede fluire affascinanti strutture guitars-keyboards di preziosi collaboratori in “Giorni Cattivi” e “Io non io”, gravidi del tipico pessimismo lirico metafisico di Moltheni. I seguenti versi di “Montagna nera” sono emblematici di un’incessante ricerca di pace interiore, un percorso arduo che certamente Moltheni continuerà a seguire prima di riuscire a raggiungere davvero il “nirvana”: “…dillo a me che non sono come lei/ figlio di una montagna nera/ dimmi che io non sono come te/ figlio di una montagna nera”.

(17/10/2007)

  • Tracklist
1. Il risveglio
2. Tu
3. I giorni cattivi
4. Montagna nera
5. Io non io
6. Felce
Umberto Maria Giardini su OndaRock
Recensioni

UMBERTO MARIA GIARDINI

Forma Mentis

(2019 - Ala Bianca)
Urgenza alt-rock e lucido songwriting nel lavoro più diretto del cantautore marchigiano

UMBERTO MARIA GIARDINI

Protestantesima

(2015 - La Tempesta/Woodworm)
L'autore marchigiano smussa spigoli e ruvidezze in questo nuovo lavoro

UMBERTO MARIA GIARDINI

Ognuno di noi un po' anticristo

(2013 - Woodworm)
Cinque tracce che confermano la ritrovata vena del cantautore marchigiano

UMBERTO MARIA GIARDINI

La dieta dell'Imperatrice

(2012 - La Tempesta-Woodworm / Venus)
L'inatteso ritorno dell'ex Moltheni con toccanti ballate che aprono anche alla psichedelia

MOLTHENI

Toilette Memoria

(2006 - La Tempesta / Venus)
Dopo "Splendore Terrore", il ritorno del cantautore marchigiano

MOLTHENI

Splendore Terrore

(2005 - Tempesta/Virus)

News
Live Report



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.