Sinead O'Connor

Theology

2007 (Radiofandango) | songwriter, folk

Sinéad O’Connor è ormai una scheggia impazzita nel panorama pop internazionale. Fa sorridere, oggi, ripensare a chi a suo tempo vedeva in lei una creatura fragile e manipolabile dagli astuti discografici per costruire un personaggio di ribelle in rosa da (s)vendere alle masse. La dolce guerriera con la testa rasata, confusa e infelice, selvaggia e romantica. Un’icona da poter sfruttare anche nei versi delle canzoni altrui (vero Vecchioni?) e magari da bruciare al rogo, novella Giovanna d’Arco, una volta perso il controllo (dopo l’oltraggio della foto di Giovanni Paolo II strappata in diretta tv). Niente di tutto questo. O forse solo in parte. Perché Sinéad O’Connor è stata sì scaricata dall’industria discografica, ma a volersi defilare è stata soprattutto lei. Una via d’uscita inseguita da anni con ostinata disperazione, tra sparate clamorose e progetti artistici di dubbio valore.

Ecco così, servita su un piatto d’argento, la pistola per i suoi detrattori: la bisbetica irlandese è ormai fuori di testa, è pericolosa, va isolata. Eppure, nonostante gli annunci di ritiro, la presunta ordinazione a suora e i deliranti proclami mistici, Sinéad O’Connor, alias Mother Bernadette Maria, è ancora qui, a ricordarci che non ci si può sbarazzare così facilmente di una delle più importanti vocalist degli ultimi vent’anni.

Certo, questo doppio “Theology”, raccolta di inni e preghiere “da camera”, spesso solo voce e chitarra, può apparire l’ennesimo gesto sconsiderato, per di più accompagnato da propositi megalomani ("Sono un’attivista spirituale. Il mio interesse principale è liberare Dio, trarlo in salvo dalla religione"). Invece, mai come questa volta Sinéad sembra aver fatto pace con sé stessa e aver voluto davvero seguire solo la sua ispirazione, come ha ripetuto presentando il progetto: “Theology è un tentativo di creare qualcosa di bello, un posto di pace in tempo di guerra ed è la mia risposta personale a quello che è successo dopo l’11 settembre 2001”. 

Il primo cd, “Dublin Session”, presenta i brani in versione acustica; il secondo, “London Session”, aggiunge l’arrangiamento con la band al completo. La rilettura attualizzata di salmi, inni e versi del Vecchio Testamento è integrata da otto inediti e tre cover: una versione soul di “We People Who Are Darker Than Blue” di Curtis Mayfield, il tradizionale spiritual “Rivers Of Babylon” (con un testo riveduto dalla stessa O'Connor) e una interpretazione (per la verità piuttosto fiacca e deludente) di “I Don't Know How To Love Him”, la stupenda ballata del “Jesus Christ Superstar” di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, portata al successo da Yvonne Elliman nei panni di Maddalena.

Il cd acustico, registrato con l’accompagnamento del folkster irlandese Steve Cooney, è forse più suggestivo, anche se sconta una certa piattezza nell’interpretazione (Sinéad, ahimè, viaggia ormai solo sul suo registro più sommesso e sussurrato), mentre il lato elettrico (prodotto da Ron Tom) regala qualche vibrazione in più, ma appare a tratti pasticciato e incerto negli arrangiamenti, tra pulsazioni sintetiche ed echi eighties. Eppure basterebbe l’iniziale “Something Beautiful”, intensa e struggente come ai bei tempi, oppure l'accoppiata di incalzanti ballate semi-acustiche "Out Of The Depths"- "The Glory Of Jah" per dare il la a quella resurrezione che i fan della ragazza dalle calde lacrime di "Nothing Compares 2 U" non hanno mai smesso di sognare. Se non altro, c'è la consapevolezza di possedere ancora le armi per graffiare, senza doversi affidare a maghi dell’hit facile come avvenuto (invano) su “Faith And Courage”.

Pur dibattendosi da anni tra devastanti lacerazioni personali e ferite familiari ancora aperte, la pasionaria di Dublino non ha smarrito la sua ansia spirituale e il suo feroce candore. Ne è scaturito un disco onesto e sincero, ma probabilmente più utile a lei che a noi.

(28/08/2007)



  • Tracklist

Disc 1

1. Something Beautiful     
2. We People Who Are Darker Than Blue     
3. Out Of the Depths     
4. Dark I Am Yet Lovely     
5. If You Had a Vineyard     
6. Watcher Of Men     
7. 53     
8. The Glory Of Jah     
9. Whomsoever Dwells     
10. Rivers Of Babylon     
11. Hosanna Filio David       

Disc 2      

1. Something Beautiful     
2. We People Who Are Darker Than Blue     
3. Out Of the Depths      
4. 53     
5. Dark I Am Yet Lovely     
6. I Don't Know How To Love Him     
7. If You Had a Vineyard     
8. The Glory Of Jah     
9. Watcher Of Men     
10. Whomsoever Dwells     
11. Rivers Of Babylon 

Sinead O' Connor su OndaRock
Recensioni

SINEAD O' CONNOR

I'm Not Bossy, I'm The Boss

(2014 - Nettwerk)
La cantautrice irlandese torna sulle scene sempre più romantica e riappacificata con se stessa ..

SINEAD O' CONNOR

How About I Be Me (And You Be You)?

(2012 - One Little Indian)
Un maturo, e ben calcolato, ritorno agli esordi per la fiera e problematica cantautrice irlandese

SINEAD O'CONNOR

I Do Not Want What I Haven't Got

(1990 - Chrysalis)
Dopo il dirompente esordio, O'Connor affina le sue idee in un album spirituale, meditato e profondamente ..

Speciali

Sinead O'Connor on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.