Louis Philippe

An Unknown Spring

2007 (Wondergamma / First Press) | pop, songwriter

Da più di 20 anni Louis Philippe ha intrapreso un percorso sonoro che incanta per coerenza e originalità. Devoto alla scuola degli scrittori “puri” come Brian Wilson e Duke Ellington, arricchisce il suo background con l’amore per Ravel e Poulenc nel classico, e Carole King, Xtc, Zombies nel rock. A ciò unisce un forte amore per i gruppi vocali come i Left Banke, i Righteous Brothers, le Shireless.

Dopo aver vissuto il periodo più creativo del movimento “indie” attraverso esperienze con la mitica El record e La Siesta Records, l’artista ha tenuto salde le sue convinzioni artistiche, regalandoci almeno un altro paio di gioiellini (“Sunshine” e “Azure”).
“An Unknown Spring” è il secondo album che Louis Philippe realizza grazie alla sottoscrizione dei fan più generosi; un modo, quest’ultimo, che gli garantisce assoluta libertà stilistica, anche se la rinuncia all’orchestra rimane un grosso handicap, considerate le sue qualità di arrangiatore.

L'album vede la collaborazione di Danny Manners, Mary Persen, Alasdair Mclean e un quartetto d’archi che impreziosisce la sottile tessitura delle composizioni con un tocco leggero e piacevole. Dopo una breve “No Sun No Sky At All”, spetta ad un’incisiva e potente “The Hill And The Valley” aprire il disco, il brano si muove in perfetto equilibrio tra atmosfere surf in stile Beach Boys e raffinatezze sonore alla High llamas. Il suono è spesso rarefatto, la voce flebile, al limite di un romanticismo molto europeo, e spogliata da inutili orpelli, si mostra in tutta la sua bellezza, come in “An Unknown Spring”. Altrove, in “Walking On Air” e Born Beautiful”, ad esempio, sono i cori a sottolineare le costruzioni armoniche.

Trittico perfetto è invece la sequenza che si apre con “When The Love Has Gone”, malinconica canzone di gusto molto parigino, con la melodica suonata da Louis. Si prosegue con la lounge-oriented “Fallen Snow”, che ricorda Martin Denny per la grazia dell’arrangiamento, e con “Toi, Le Coeur De La Rose” si completa la sequenza: un breve e intenso brano corale pieno di magia e spiritualità. Tra i pezzi restanti si segnalano “I Didn’t Like The Film“ e la conclusiva “Wild–Eyed And Dishevelled”, per una scrittura forte e intensa, degna dei migliori songwriter.

Un disco che dimostra la rinata voglia di scrivere di Louis Philppe, che dopo aver sofferto per oltre tre anni di un misterioso blocco cerebrale - che gli impediva di suonare il piano - attraverso l’attenzione dei fan e l’interesse di altri musicisti che hanno richiesto la sua produzione (si veda lo splendido “God Save The Clientele”), è pronto a regalarci nuovi quadretti di un mondo musicale in via d’estinzione.

Certo, la sua voce non accattivante e malinconica e l’apparente stasi di un suono fatto di sottili raffinatezze non riusciranno a catturare nuovi adepti corrotti da suoni mp3 sempre più potenti e sempre più vuoti, nonché distratti da nuovi profeti del rock più estremo, destinati ad aggiungersi tristemente all’elenco sempre più lungo dei musicisti per suonerie telefoniche. Louis Philippe non è nulla di tutto questo. La sua musica mantiene un fascino che si arricchisce di spessore col tempo. Assaggiatelo con calma, non vi deluderà.

P.S. Assaggiare non è tanto per dire, il caro Louis è un ottimo cuoco, anzi è il suo unico lavoro, la musica è solo per piacere...

(29/08/2007)

  • Tracklist
  1. No Sun, No Sky, At All
  2. The Hill And The Valley
  3. Lights Were Dancing On The Ceiling
  4. An Unknown Spring
  5. House Of Sleep
  6. Walking On Air
  7. Born Beautiful
  8. When The Love Has Gone
  9. Fallen Snow
  10. Toi , Le Coeur De La Rose
  11. Miss Lake
  12. I Didn’t Like The Film
  13. Liverpool
  14. Wild-Eyed And Dishevelled
Louis Philippe on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.