Ulan Bator

Ulaanbataar 1993-1998

2007 (Jestrai) | alt-rock

E giunge il momento anche per Amaury Cambuzat, leader/chitarrista e fondatore degli Ulan Bator, di condensare tutte le esperienze dei primi cinque anni di vita della sua band, così febbrilmente fertili, in un unico supporto riassuntivo. Non una antologia, ma la raccolta di estratti live, inediti disseminati su singoli, remix e versioni demo tratte dal primo omonimo album del 1995, da "2 Degrees" (1996) e dal fondamentale "Végetale" (1998). Si torna indietro addirittura ai primordi (1993) con "Tengri".

Da ricordare che la band è nata in Francia, ma cresciuta in Italia: l'importante tappa dell’accasamento nel nostro paese è stata possibile grazie alla ristampa proprio di "Végetale" da parte del Consorzio Produttori Indipendenti, che in quegli anni stava convulsamente lavorando per aprire nuove strade alla musica "alternativa". La line-up attorno a cui ruotano questi brani, include oltre a Cambuzat, Olivier Manchion al basso e Frank Lantignac alla batteria.

Con la loro musica attraversiamo le coordinate di un post-rock altamente sperimentale, strettamente serrato attorno alla chitarra di capitan Cambuzat e incalzato dalla nervosa sezione ritmica.
Già partendo da "Ursula Minor" (1996) o da "Katatonia" (1994) si intuisce l'alto tasso creativo degli Ulan Bator, in questa fase direttamente imparentati a June Of '44 (per indole "experimental"), Don Caballero (per la matrice "matematica"), Shellac (per l'anima tortuosa), tutti loro contemporanei, ma anche ai padri putativi Faust e Can.

Spigolosi, abrasivi, taglienti, sghembi, malevoli. Intelligenti e privi di atteggiamenti intellettualodi o artistoidi a tutti i costi. Questi primi Ulan Bator erano davvero un concentrato di idee e di felici intuizioni: quanti percorsi passano per una "D-Press Tv"? Eppure nonostante l'impronta di una sonorità che scava nel profondo, questa raccolta dimostra che la formazione è stata capace anche di transizioni a cavallo fra l’ambient e il noise, con utilizzo di loop e di nastri in una alchimia elettronica estremamente affine ai This Heat (vedi "Tengri", "Piano Mecanik", "...Jun", "Haupstad" o "Brille").

Per chi ha voglia capirne di più di questo obliquo movimento, "Ulaanbataar" costituisce un atlante geografico in formato tascabile. E proprio per questo indispensabile.

(30/07/2007)

  • Tracklist
  1. Pése-Nerfs (1997 intro)
  2. Ursula Minor (1996 7 Inch)
  3. Katatonia (1994 demo)
  4. Le Guillotine (1996 sounds)
  5. Transatlantic rendez-vous (1997 7 Inch Unrealized)
  6. ...Jun (1998 soundtrack Corean film "Bye June")
  7. Bleu Electrique (1998 live)
  8. Melodicart (1998 live)
  9. D-Press T.V. (1996 studio live)
  10. r.A.di.O (1996 sounds)
  11. Céphalopode (1998 remix)
  12. Automne (1997 demo)
  13. Brille Brille Brille (1998 live)
  14. Ulaabaatar (1996 demo)
  15. Stereotomy (1996 sounds)
  16. Végétale (1998 remix)
  17. Lumière Blache/Scheestum (1998 live)
  18. Apt 18-A (1994 demo)
  19. Piano Mecanik (1996 studio live)
  20. Hauptstadt (1997 live)
  21. Tengri (1993 - first demo ever)
Ulan Bator su OndaRock
Recensioni

ULAN BATOR

Stereolith

(2017 - Bureau-b)
La creatura di Amaury Cambuzat sposa i consueti scenari post e alt-rock con inedite derive kraut ..

ULAN BATOR

Abracadabra

(2016 - Acid Cobra / Overdrive)
Il nuovo capitolo del progetto post-rock di Amaury Cambuzat

ULAN BATOR

Tohu - Bohu

(2010 - Acid Cobra)
Tornano dopo sei anni d'assenza gli alfieri del post-rock d'oltralpe, sempre guidati da Amaury ..

Ulan Bator on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.