Apples In Stereo

Electronic Projects For Musicians

2008 (Yep Roc) | pop, alt-pop

Gli Apples In Stereo di Robert Schneider, complice soprattutto l’albo restauratore “New Magnetic Wonder”, l’opera che torreggia in qualità del loro “Exile On Main St.” (o, meglio, del loro “Abbey Road”), hanno completato il processo che li vede cavalieri senza macchia del pop più genuino, che in ogni caso non rinuncia alla godibilità ricercata. Nell’era dell’estro armonico di Fiery Furnaces, Architecture In Helsinki, Evangelicals e Shapes And Sizes, gli Apples In Stereo (forti di una carriera ormai più che decennale) fanno la figura della balia che sorveglia a distanza i marmocchi entusiasti e discoli, e rimembra i tempi andati.

Per “Electronic Projects For Musicians” conviene tirare in ballo incontinenza discografica, monomania da completismo, e ossessione da pubblicazione ad oltranza degli avanzi di magazzino. Proprio di questo - e di null’altro - si tratta, dell’ormai canonica raccolta di scarti, rarità, inediti vari. In pratica, un perverso rito di passaggio per far conquistare alla band di nome grosso in questione gli appellativi storiografici più vari e iperbolici: mitica, seminale, leggendaria, fenomenale.

La realtà dei fatti è però diversa, perché con quest’uscita l’impalcatura di fruibilità non banale (forse anche poetizzante, a tratti) che rinforzava il pop d’antan dei loro album, da “Fun Trick Noisemaker” a “The Discovery Of A World Inside The Moone”, passando per “Her Wallpaper Reverie” e il pregevole “Tone Soul Evolution”, non trova conferme né tantomeno rinforzi significativi, ma solo una modesta scorsa stilistica che svaria dal decente al soprassedibile, finanche all’imbarazzante spinto. Emblematica è “The Apples Theme Song”, motivetto infimo prima disponibile solo via web (il jingle che accoglieva l’utente alla connessione con il loro sito ufficiale), ma equipollenti futilità sono anche “Hold On To This Day” (demo acustico) e “The Oasis” (ninna-nanna mielosa per chitarra, voce e farfisa), entrambe bonus di “The Discovery”.

Sebbene poco curate, le canzoni del periodo “Fun Trick” riportano piuttosto in visibilio le loro radici lo-fi: “Thank You Very Much” è un brevissimo vaudeville pianistico adornato di sing-along Beatles-iano, cori e percussioni a sonaglio à-laPet Sounds”, e “Shine (In Your Mind)” è una canzone folk-pop con accenti eccentrici di tastiera e un refrain corale disteso.
Poco altro: il top del loro periodo lo-fi si trova già in un’altra raccolta a nome Apples In Stereo, quale “Science Fairie” (SpinArt, 1997). “Avril En Mai” si accontenta di florilegi di elettrica e tastiere effettate, “On Your Own” è una canzoncina distorta alla Turtles (con inserzioni dance-hip-hop nel chorus) e “Stephen Stephen” è puro bubblegum fragoroso alla Shondells.

Other” cita “Brimful Of Asha” dei Cornershop, pur aggiornandola al primo Sparklehorse (e arricchendola di una chiusa distorta stratificata), mentre “Dreams” e “So Far Away” vorrebbero rifarsi al raga-rock dei Byrds Crosby-iani, ma piombano in nenie pseudo-liturgiche interminabili, con tanto di synth teatranti e mellotron magniloquenti.
Il vero ruolo di protagonista è semmai svolto dalla doppietta “Man You Gotta Get Up”- “The Golden Flower” (quest’ultima debitrice del George Harrison di “Blue Jay Way”), non a caso inediti del periodo “Tone Soul” oltre a “Onto Something” (ennesimo scampolo della loro prima vena di revival psych-pop, un riff garage che si stempera in armonie vocali partecipate alla Zombies).

Repetita iuvant: il paragone con il già citato “Science Fairie” non calza. Non è una raccolta di quelle piccole gemme che fecero da battistrada alla carriera di Schneider e compagni (e da cinghia di trasmissione tra Elephant6 e rock alternativo a tutto tondo), è solo una collezione - con l’ennesimo titolo d’opus (preso di peso dall’omonimo trattato del musicologo Craig Anderton) in classico stile space-age Stereolab - fatta di un quarto di canzoni accantonate, e di tre quarti di resi scaduti apparecchiati a dovere. Senza corpo e anima, mostra la deplorevole attitudine della band a raschiare il fondo del barile del pop barocco e delle sgargianti farciture kitsch, pur nei meno nobili casi di impoverimento della scrittura. Disponibile in download il remix domestico vincitore di “Can You Feel It? (“New Magnetic Wonder”), uno dei primi parti del nuovo modus operandi Radiohead-iano.

(25/04/2008)

  • Tracklist
  1. Shine (In Your Mind)
  2. Thank You Very Much
  3. Onto Something
  4. Man You Gotta Get Up
  5. The Golden Flower
  6. Avril En Mai
  7. Hold On To This Day
  8. The Oasis
  9. On Your Own
  10. Other
  11. So Far Away
  12. The Apples Theme Song
  13. Stephen Stephen
  14. Dreams
Apples In Stereo su OndaRock
Recensioni

APPLES IN STEREO

Travellers In Space And Time

(2010 - Yep Roc Records)
Smanie dance-pop, sogni funk-disco e viaggi nel tempo nel nuovo album della band di Robert Schneider

APPLES IN STEREO

New Magnetic Wonder

(2007 - Yep Roc)
Il disco-compendio del guru pop Robert Schneider

Apples In Stereo on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.