Ólafur Arnalds

Variations Of Static

2008 (Erased Tapes) | modern classical, post-rock

Un nuovo nome da tenere d’occhio si affaccia da quella terra affascinante e musicalmente fervida che è l’Islanda: Ólafur Arnalds è un artista e compositore già balzato all’attenzione degli amanti delle ovattate emozioni sonore nel 2006, con un album autoprodotto intitolato “Eulogy for Evolution”, nel quale accanto a lente e delicate piéce pianistiche trovavano spazio un paio di irruenti impennate elettriche in classico stile post-rock.

Quell’album è valso al giovane islandese (oggi appena ventunenne) l’interesse dell’etichetta britannica Erased Tapes, che lo ha ripubblicato lo scorso anno e presenta oggi il suo seguito, sotto forma di un mini album di cinque tracce nel quale Arnalds sviluppa i temi già presenti nel suo debutto, aggiungendovi altresì ulteriori prove di una sensibilità non limitata agli strumenti e alle strutture compositive utilizzate in precedenza ma comprensiva di un timido approccio all’elettronica e dell’attitudine alla creazione di paesaggi sonori visionari, compiutamente descrittivi di quel peculiare fascino nordico connaturato a tante produzioni musicali islandesi.

I poco più di venti minuti di “Variations Of Static” grondano infatti di sentori artici, filtrati attraverso composizioni notturne, incentrate non solo su minimali note pianistiche, ma su arrangiamenti d’archi che conferiscono placidi contorni sognanti a brani strumentali, avvolti intorno a semplici loop e a tratti solcati da tenui glitch, field recordings e voci lontane. 
Tutto è lento e sfumato in questi cinque brani, che alternano la fusione di tutti gli elementi sopra elencati secondo modalità prossime a quelle di The Album Leaf (soprattutto nell’iniziale “Fok”) a melodie vaporose, in graduale ma continuo movimento nel dialogo tra piano e archi (“Haust”) o piano ed elettronica (“Við Vorum Smá...”) o ancora nella conturbante impalpabilità dei restati brani, nei quali Arnalds dimostra di trovarsi compiutamente a proprio agio nell’elaborazione con mezzi e sensibilità moderna di un classicismo romantico, descrittivo e ricco di suggestioni.

(18/05/2008)

  • Tracklist
  1. Fok
  2. Við Vorum Smá...
  3. Haust
  4. Lokaðu Augunum
  5. Himininn Er Að Hyrnja, En Stjörnurnar Fara Þér Vel
Ólafur Arnalds su OndaRock
Recensioni

ÓLAFUR ARNALDS

Island Songs

(2016 - Mercury Classics)
Sette brani per sette giorni tra i ghiacci dell'Islanda

ÓLAFUR ARNALDS & ALICE SARA OTT

The Chopin Project

(2015 - Mercury Classics / Universal / Deutsche Grammophon)
Elogio dell'imperfezione nelle intime riletture del maestro romantico

ÓLAFUR ARNALDS

For Now I Am Winter

(2013 - Mercury Classics)
Un piccolo passo verso l'emancipazione cantautorale del compositore islandese

OLAFUR ARNALDS

Another Happy Day OST

(2012 - Erased Tapes)
Solo piano ed archi a servizio del debutto alla regia del figlio del regista di "Rain Man"

ÓLAFUR ARNALDS

...And They Have Escaped The Weight Of Darkness

(2010 - Erased Tapes)
Un ulteriore passo nella maturazione del talento islandese, atteso alla definitiva consacrazione

ÓLAFUR ARNALDS

Found Songs

(2009 - Erased Tapes)
Dal web alla pubblicazione ufficiale, le "sette canzoni per sette giorni" del compositore islandese ..

ÓLAFUR ARNALDS

Dyad 1909

(2009 - Erased Tapes)
Una colonna sonora ispirata ai ghiacci perenni è l'ultima anticipazione del secondo disco ..

Ólafur Arnalds on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.