Beach House

Devotion

2008 (Carpark/ Bella Union) | dream-pop

Avvolgente e attonita prova di forza amorosa da parte del duo di Baltimora, Maryland, Alex Scally (a chitarra e tastiere) e Victoria Legrand (canto e organo), che bissa qui il già esemplare esordio omonimo dell'ottobre 2006.
L'avvallo invernale è mimato dalla fragilità e dalla sfibrata lirica sentimentale e si cura in vampate blues, in un velluto di luce dream-pop.
Spiazza non poco l'ardente e tenue alone di trame strumentali, come ardito romanticismo rinsavito, intenso e vestito in sgargianti cromature fuori moda. Che sparge con premura e inquadra oniriche un gruppo di canzoni antiquate, spaesate e dolci, adorne d'un fascino remoto d'ingombrante avvenenza, rigonfiando ogni cosa di valori luministici di classica, eccedente intensità.

"Devotion" appare come un sortilegio immaginoso fuori tempo, ritorno di fiamma di una magia in disuso. Nella sua fluente, istintuale individualità, Beach House suscitano e richiamano alla mente le gesta di semidei andati, combinando memorie di Mazzy Star e Galaxie 500, Silvania e Sugar Plant, la cui arte chimerica e psicologica seppe negarsi ai limiti dello spazio, oltre il transitorio, fino alla trascendenza.
Stormi di delicati cori misti come eco del Tempo perduto scendono e rifrangono su vertiginosi manti di tastiere e strumenti in riverbero. Chitarre delay, fiochi effetti fuzz, magnetici chiarori dream arroccati entro soffici e vistosi wall of sound, evolvendo moltiplicano il desiderio, avviluppano l'ambiente di tante piccole mani carezzevoli.

Senza soluzione di continuità scorrono soavi questi richiami, ritentive beatlesiane; la spiritualità strumentale di David Gilmour soffia pungente sulle delicate sfumature tonali di Victoria, nelle tinte quasi fiamminghe di "You Came To Me" e "D.A.R.L.I.N.G.".
Tra radi litorali e scaglie di specchi scorre e danza l'energia umana. Mirabile in questo contesto la cover di Daniel Johnston "Some Things Last A Long Time" (dall'album "1990").

Un'acuta, errante naturalezza si arresta in un istante di durata eterna. Il candore primigenio da gruppo vocale anni 50 plana su "Wedding Bell", "Turtle Island" sino alla tormentosa, devastante "All The Years" inibendosi poi su "Heart Of Chambers" e sulle policromie volubili di "Gila"; fosse sfumata nell'abisso infinito di un fade-out... ma va bene così, "Devotion" è già più d'un mezzo classico.

(05/01/2008)

  • Tracklist
  1. Wedding Bell
  2. You Came To Me
  3. Gila
  4. Turtle Island
  5. Holy Dances
  6. All The Years
  7. Heart Of Chamber
  8. Some Things Last a Long Time (Daniel Johnston cover)
  9. Astronaut
  10. D.A.R.L.I.N.G.
  11. Home Again
Beach House su OndaRock
Recensioni

BEACH HOUSE

7

(2018 - Sub Pop/Bella Union)
Il duo di Baltimora nel suo settimo sigillo, tra amori perduti e nuovi sogni da inseguire

BEACH HOUSE

B-Sides And Rarities

(2017 - Sub Pop / Bella Union)
Raccolta di B-side e rarità disseminate lungo gli oltre dieci anni di attività dal duo ..

BEACH HOUSE

Thank Your Lucky Stars

(2015 - Sub Pop/ Bella Union)
Il secondo disco in due mesi per i protagonisti della scena dream-pop mondiale

BEACH HOUSE

Depression Cherry

(2015 - Sub Pop / Bella Union)
A tre anni da "Bloom", il quinto album degli alfieri del dream-pop contemporaneo

BEACH HOUSE

Bloom

(2012 - Sub Pop)
Il quarto disco del duo di Baltimora in streaming esclusivo per OndaRock

BEACH HOUSE

Teen Dream

(2010 - Sub Pop / Bella Union)
L'incontaminato stupore di un sogno ad occhi aperti consacra le oniriche modulazioni pop del duo ..

News
Live Report
Beach House on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.