James Blackshaw

Litany Of Echoes

2008 (Tompkins Square) | fingerpicking

Un disco a metà, “Litany Of Echoes”. Se da un lato il buon Blackshaw si conferma essere un compositore a tutto tondo più che un semplice virtuoso del fingerpicking, dall’altra appare chiaro come la sua tecnica stia divenendo man mano più complessa. E ciò non è necessariamente un bene, anche se le derive Windham Hill da qualche parte paventate sono piuttosto lontane.

Quindi per una “Gate Of Ivory” e una “Gate Of Horn” in pianistico levare, che chiamano in causa nientemeno che la “continuous music” di Lubomyr Melnyk, e che fanno sperare in qualcosa di diverso dal solito, per il resto dei pezzi, di converso, Blackshaw si limita a svolgere il compitino. Perché tra la musica del chitarrista inglese e la musica ripetitiva e/o minimalista vi è una liaison nemmeno tanto nascosta, indi per cui dopo l’ascolto delle succitate composizioni speravo sinceramente in uno spostamento verso quei suoni e quelle metodologie compositive, mentre “Echo And Abyss”, “Infinite Circle” e “Shroud”, per quanto godibili, non deviano granché da ciò che possiamo ormai definire “canone blackshawiano”.

Allora “Litany Of Echoes” è un’occasione sprecata per andare oltre il già sentito. Un album “minore”, ma tuttavia godibile, soprattutto se lo si guarda in maniera a-critica e ci si lascia trasportare dalle emozioni che è comunque in grado di regalare.  Perché alla fine della fiera una “Past Has Not Passed” non tutti sono in grado di scriverla (questa dovete ascoltarla assolutamente, soprattutto se avete da poco perso un affetto).

(31/08/2008)

  • Tracklist
  1. Gate of Ivory
  2. Past Has Not Passed
  3. Echo and Abyss
  4. Infinite Circle
  5. Shroud
  6. Gate of Horn
James Blackshaw su OndaRock
Recensioni

JAMES BLACKSHAW

Summoning Suns

(2015 - Important)
Un soave e inatteso inno primaverile nel decimo album del chitarrista, ora anche songwriter

JAMES BLACKSHAW

Fantômas: Le Faux Magistrat

(2014 - Tompkins Square)
Il chitarrista britannico alle prese con la sonorizzazione di un classico del film muto francese

JAMES BLACKSHAW

Love Is The Plan, The Plan Is Death

(2012 - Important)
Il chitarrista e compositore inglese "scopre" la chitarra classica

JAMES BLACKSHAW

All Is Falling

(2010 - Young God)
Un'elegia in otto parti per il chitarrista inglese, sempre più compositore a tutto tondo

JAMES BLACKSHAW

The Glass Bead Game

(2009 - Young God)
Il debutto del chitarrista londinese per la compagine di Michael Gira

JAMES BLACKSHAW

The Cloud Of Unknowing

(2007 - Tompkins Square)
Il raffinato fingerpicking di Blackshaw per suoni estatici e crepuscolari

James Blackshaw on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.