Calexico

Carried To Dust

2008 (Quarterstick) | folk-rock, alt-country

Dire che in Calexico non sono più quelli di una volta è un eufemismo. Nessuna ansia revanscista né volontà d'indorare la pillola: semplicemente i Calexico di "The Black Light" (ma ci saremmo accontentati anche di quelli di "Feast Of Wire"), quelli che abluivano il roots-rock nel post-rock, il classicismo della Penguin Café Orchestra nel primitivismo dell'alt-country, oggi non esistono più.
Al posto loro i Calexico "mark II", quelli di "Garden Ruin": perizia concertistica, arrangiamenti di classe (accordion, vibrafoni, archi, ottoni), frequentazioni stilistiche familiari miniate su scala radiofonica in canzoncine da due minuti e mezzo/tre minuti.
E un Joey Burns in piena crisi di mezz'età che si concede stravaganti scappatelle da popstar soffocando col suo crooning sempre più lagnoso e mellifluo i pochi spunti decenti di un gruppo che nasce e dà il meglio di sé in chiave essenzialmente strumentale.

È su tali basi che questo nuovo gruppo sarà giudicato, senza accanimento né favoritismi pregressi: fra lepidezze pop molto a sud del confine "Victor Jara's Hand" (con la sua andatura mariachi) e "Inspiracion" (una specie di "Besame Mucho"), pop wave imbarazzanti ("Two Silver Trees", arpeggio kabuki e ritornello anni Ottanta e la sincopata "Writer's Minor Holiday"), pezzi come "Man Made A Lake" e "The News About Williams" (una delle meno peggio del lotto) in cui sembrano dei Moody Blues con licenza di feedback e twang, country-pop per coppiette che hanno perso la verginità sulla groppa di un toro meccanico ("Slowness" e "Red Blooms"), si salvano da un completo naufragio il surf-mex morriconiano di "El Gatillo", il folk-noir jazzato di "Bend In The Road", le modanature dub di "Fractured Air", e il post-folk redivivo di "Contention Day", unico brano a eccedere (di pochissimo) in lunghezza e atmosfera.

E dato che, come potrete liberamente constatare in scaletta, arrivano tutte nella seconda parte, c'è ancora speranza, verrebbe quasi da esclamare, come un medico che scorge qualche linea frastagliata sul monitor del tracciato cardiaco mentre è sul punto di riporre sconfortato il defibrillatore. Rianimiamoci.

(08/09/2008)

  • Tracklist
  1. Victor Jara's Hand
  2. Two Silver Trees
  3. The News About William
  4. Sarabande In Pencil Form
  5. Writer's Minor Holiday
  6. Man Made Lake
  7. Inspiracion
  8. House Of Vaparaiso
  9. Slowness
  10. Bend In The Road
  11. El Gatillo (Revisited)
  12. Fractured Air (Tornado Watch)
  13. Falling From Sleeves
  14. Red Bloom
  15. Contention Day
Calexico su OndaRock
Recensioni

CALEXICO

The Thread That Keeps Us

(2018 - Anti)
Nono album per la formazione guidata dal duo Convertino/Burns, tra insolite dimore e nuove inclinazioni ..

CALEXICO

Edge Of The Sun

(2015 - Anti Records)
Un nuovo esaltante crossover di musiche americane per i Calexico

CALEXICO

Algiers

(2012 - City Slang)
I nuovi Calexico continuano il loro viaggio nel mondo dell'easy-rock

CALEXICO

Garden Ruin

(2006 - Quarterstick)
La poco convincente svolta pop della band texana

CALEXICO

Feast Of Wire

(2003 - City Slang)

CALEXICO

Aerocalexico

(2001 - Virgin)

CALEXICO

The Black Light

(1998 - Quarterstick)
Spaghetti western e umori messicani. Il manifesto della 'desert-music' dei Calexico

News
Live Report
Speciali

Calexico on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.