Enya

And Winter Came...

2008 (Warner) | songwriter, new age, traditional

Enya non è certo nuova a rievocazioni più o meno fatate di stagioni, ricorrenze, ritualità annuali e festività assortite. La sua, più che la discografia di un’artista pop, sembra in prospettiva un atto confessionale sui metodi più aggraziati per rendere sovrumane emozioni altrimenti estremamente private, se non spicciole. E dunque anche “And Winter Came…”, sebbene faccia spesso e volentieri la figura di un “Watermark” confezionato per sfizio dalla sua segretaria durante le pause caffè, acquista una parte di logica.

Di certo Eithne Ni Bhraonain non era mai stata tanto scontata, nemmeno nel mediocre predecessore “Amarantine”. Rispetto a quell’album, qui l’artista abbandona anche il suo ultimo brevetto, il “loxian”, un idioma coniato di sana pianta in collaborazione con Roma Ryan (forse l’unico motivo di reale interesse dei suoi ultimissimi decorsi artistici), per darsi alle consuete sensazioni che precedono l’arrivo d’inverno e Natale.

Ecco dunque “Journey Of The Angels” (una scipita caricatura della Madonna di "Ray Of Light"), “Last Time By Moonlight” (l’ennesima autoimitazione di “Caribbean Blue”), “One Toy Soldier” (con cui cerca di rivestire il ruolo della cantante pop spogliata dei sovratoni folk) e le salmodie di “Stars And Midnight Blue”, “O Come, O Come, Emmanuel” (uno degli ovvi traditional natalizi), fino ad arrivare alla parodia della Celine Dion di “My Heart Will Go On” di “Dreams Are More Precious”.

Indistinte nel mucchio, ma pur sempre vaghe reminiscenze della purezza artistica che ebbe a dimostrare in passato, ci sono l’introduzione strumentale elegiaca della title track e il sing-along di “White Is In The Winter Night” (secondo singolo estratto).

Inesistente sul piano della poesia tradizionalista, la collezione vale poco anche sul piano del sottofondo puro. Le pose liriche della cantante cadono a pezzi. “Oíche Chiúin” è la versione gaelica del corale principe del Santo Natale, “Silent Night”, per mano dell’austriaco Franz Gruber (1787-1863), già comparso in svariate pubblicazioni del suo passato.

(17/11/2008)

  • Tracklist
  1. And Winter Came...
  2. Journey Of The Angels
  3. White Is In The Winter Night
  4. O Come, O Come, Emmanuel
  5. Trains And Winter Rains
  6. Dreams Are More Precious
  7. Last Time By Moonlight
  8. One Toy Soldier
  9. Stars And Midnight Blue
  10. The Spirit Of Christmas Past
  11. My! My! Time Flies!
  12. Oíche Chiúin
Enya su OndaRock
Recensioni

ENYA

Dark Sky Island

(2015 - Warner)
L'atteso ottavo album della beniamina celtica

ENYA

Watermark

(1988 - Warner Music)
Il capolavoro che regalò alla cantante irlandese ex-Clannad la più inattesa stardom del ..



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.