Fiery Furnaces

Remember

2008 (Thrill Jockey) | avant-pop, jam bands

Preannunciata dallo stesso “Widow City” - centrato su interpretazioni e performance più che sulle loro insaziabilità compositive - e dal suo lungo tour conseguente, per i fratelli Friedberger, in arte Fiery Furnaces, si apre senza più indugi una potente parentesi improntata alla dimensione concertistica: “Remember”, primo disco live del duo, ne è dunque la conferma. Ciò non toglie che anche in questo caso le coordinate di partenza siano poco più che un mero pretesto per Eleanor e Matthew; come qualsiasi altro elemento musicale (melodia o canzone, arrangiamento o suite estesa, etc.), anche il disco live dei Fiery Furnaces è un flusso di concatenazioni imprevedibili e trovate eccentriche che poco si cura della fruizione rassicurante (leggi commerciale).

Prima di tutto, l’album (doppio) funziona come una vasta retrospettiva semi-antologica della band. Così, la tracklist si organizza prevalentemente per aree-album: l’area “Gallowsbird’s Bark”, l’area “Blueberry Boat”, l’area “Rehearsing My Choir”, l’area “Bitter Tea” e infine l’area “Widow City”. La successione cronologica è però rispettata solo in parte; non solo, le aree non sono affatto pure, ma anzi voluttuosamente contaminate da reprise e false partenze, brusche interruzioni e continuazioni incoerenti, interferenze di brani provenienti da altre aree e persino intrecci tra aree contigue (o meno). I Fiery Furnaces organizzano così un live strutturato a medley più o meno allungati, o veri e propri flussi armonici irrazionali dai quali fuoriescono canzoni, improvvisazioni o loro miscugli.
Ultimo ma non certo ultimo, la qualità musicale dei singoli brani, i cui nuovi arrangiamenti sono poco o nulla interessati all’aderenza delle loro versioni originali di studio, talora stravolti in liberissime associazioni musica-parole Beefheart-iane, talora dimenticati in luogo di versioni completamente inedite.

Nel primo dei due cd, dopo una “Intro” in cui i segni iconici tipici del live (gli applausi) arrivano a mischiarsi con l’armonia, ci si ritrova in area “Gallowsbird’s Bark”. Sfilano così “Single Again”, su lento incedere ricolmo di percussioni e organetto, una “Two Fat Feet” in versione garage burlesco, “Don't Dance Her Down”. Si arriva quindi a una lunga area “Bitter Tea”, con versioni rimpinzate di quintali di effetti elettronici, da “I'm In No Mood” (con cadenza fedele all’originale, ma dalla gamma tonale completamente virata) a “Little Thatched Hut”, da “Bitter Tea” a “Vietnamese Telephone Ministry” (entrambi in fantastiche rielaborazioni), fino a “Waiting To Know You” (da serenata eccentrica a nevrotica piece in controtempo), “Oh Sweet Woods” (totalmente irriconoscibile), “Whistle Rhapsody” (con scampoli d’improvvisazione per tastiera), “Teach Me Sweetheart” (in versione minimale), e relative reprise.

Nel secondo disco si comincia con l’area “Blueberry Boat”. Tra tutti i numeri offerti, a spiccare sono soprattutto la rilettura dada di “Quay Cur”, lo svarione post-hardcore presente in “My Dog Was Lost”, l’opera rock dissennata alla Magma di “1917”, e la sviolinata circense di “Spaniolated”. L’area “Rehearsing My Choir”, dopo una “Tropical Ice-Land” tartagliante e la tempesta cabaret-punk di “Asthma Attack”, prevede la veste hard-rock per “The Wayward Granddaughter”, il prog rilassato quasi Moody Blues di “The Garfield El”, l’instabile fusion (ma più jazzcore) di “Seven Silver Curses”, le sottolineature hip-hop di “Slavin’ Away” e la spavalda versione di “A Candymaker's Knife in My Handbag”.
Così l’area dedicata a “Widow City”, la più fluida di tutte, inanella in rapida successione la jam iraconda di “Chief Inspector Blancheflower” (dei Big Brother and the Holding Company sovreccitati), una versione più esilarante di “Ex-Guru”, la danza indiavolata di “Automatic Husband” e nuove dissociazioni armoniche (“Navy Nurse” e la finale “Uncle Charlie”).

Collage, più che retrospettiva, che riprende il concetto di live avanzato del Frank Zappa di “Roxy And Elsewhere”, ma - di fatto - ne imposta uno standard per l’inquietudine dei 2000, o una giostra, una girandola che crea, disfa e ricrea di continuo, e che si prende burla persino della loro carriera. Vince quando non lascia scampo, quando strangola strumenti e applausi, tempi morti e sghiribizzi, comprime cataste di elementi armonici, esalta un inesorabile corso musicale senza freni, in cui anche gli stessi freni si mettono a danzare con loro. Imbattibile record d’ingordigia, alla cassa il conto più salato spetta all’esorbitanza di Matthew; Eleanor gigiona, band impeccabile.

(06/09/2008)

  • Tracklist
Cd 1

  1. Intro
  2. Blueberry Boat
  3. Single Again
  4. Two Fat Feet
  5. Don't Dance Her Down
  6. Single Again (Reprise)
  7. Wicker Whatnots
  8. Little Thatched Hut
  9. I'm In No Mood
  10. Black-Hearted Boy
  11. Bitter Tea
  12. Waiting To Know You
  13. Vietnamese Telephone Ministry
  14. Oh Sweet Woods
  15. Borneo
  16. Benton Harbor Blues
  17. Japanese Slippers
  18. Benton Harbor Blues (Reprise)
  19. Whistle Rhapsody
  20. Crystal Clear
  21. Whistle Rhapsody (Reprise)
  22. Teach Me Sweetheart
  23. Evergreen
  24. Bitter Tea (Reprise)
 
Cd 2

  1. Chris Michaels
  2. Quay Cur
  3. My Dog Was Lost But Now He's Found
  4. Spaniolated
  5. Name Game
  6. Birdie Brain
  7. 1917
  8. Slavin' Away (Intro)
  9. Tropical Ice-Land
  10. Asthma Attack
  11. Tropical Ice-Land (Reprise)
  12. The Wayward Granddaughter
  13. The Garfield El
  14. A Candymaker's Knife in My Handbag
  15. 4823 22nd Street
  16. Slavin’ Away
  17. Seven Silver Curses
  18. Clear Signal From Cairo
  19. I’m Gonna Run
  20. Here Comes the Summer
  21. Chief Inspector Blancheflower
  22. Automatic Husband
  23. Ex-Guru
  24. Clear Signal From Cairo (Reprise)
  25. Philadelphia Grand Jury
  26. Navy Nurse
  27. Uncle Charlie
  28. Bitter Tea (Bonus)
Fiery Furnaces su OndaRock
Recensioni

FIERY FURNACES

I'm Going Away

(2009 - Thrill Jockey)
Ritorno al disco per Eleanor e Matthew Friedberger, dopo la sbornia live di "Remember"

FIERY FURNACES

Widow City

(2007 - Thrill Jockey)
I "fratelli terribili" di Chicago svoltano verso il rock duro

FIERY FURNACES

Bitter Tea

(2006 - Rough Trade)

FIERY FURNACES

Fiery Furnaces Ep

(2005 - Rough Trade)
Il capolavoro in forma breve dei fratelli Friedberger

FIERY FURNACES

Rehearsing My Choir

(2005 - Rough Trade)

FIERY FURNACES

Blueberry Boat

(2004 - Rough Trade)
I fratelli Friedberger all'apogeo del loro fantasioso avant-rock

FIERY FURNACES

Blueberry Boat

(2004 - Rough Trade)
I fratelli Friedberger e il loro maggiore lascito di frizzante inventiva: l'avant-pop al varo

Fiery Furnaces on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.