Les Savy Fav

Inches

2008 (Wichita) | post-punk, hardcore

Destino inusuale (ma alla fine galantuomo) quello dei Les Savy Fav. La compagine newyorchese, attiva da più di un decennio, non ha mai saputo approfittare in termini mediatici della grande attenzione del pubblico mondiale verso la musica della Grande Mela post-11 settembre (vedi l’exploit dei vari Strokes, Liars, Lcd Soundsystem), e solo in tempi recenti ha iniziato a raccogliere i primi frutti di tutta la buonissima musica seminata. L’album dello scorso anno, “Let’s Stay Friends”, molto ispirato e solidissimo, è riuscito addirittura a entrare nelle prime posizioni del referendum proposto dal settimanale Nme ai propri lettori e la Wichita ha pensato bene di rieditare la collezione di singoli “Inches”, già uscita nel 2004, che ha tutto il sapore di un vero e proprio best of e che rappresenta senza dubbio una panoramica privilegiata sulla produzione di questo gruppo.

In realtà, il disco è un’opera sui generis, costituita da nove singoli (con relativi lati B) che il gruppo ha pubblicato a partire dal 1996 presso etichette di volta in volta diverse. Le copertine dei nove vinili (da cui il titolo del progetto) compongono un bel disegno in stile pop-art, visibile nel libretto della raccolta (sono addirittura osservabili due edifici, un aero e una tomba, tragica profezia?). I pezzi sono mediamente tutti di buon livello, in bilico tra Husker Du, Fugazi, Pixies e indie americano, con in più (e ben prima che diventassero una sorta di passaporto per il successo) significativi rimandi al post-punk spigoloso di Fall, Pop Group e Joy Division. Il cantato, sporco e urticante, tradisce evidenti ascendenze hardcore, mentre le chitarre si lasciano spesso trasportare da slanci di funky convulso e nevrotizzante. Per certi aspetti, il gruppo perfetto, abilissimo nel sintetizzare una crasi ballabile e nervosa tra post-punk inglese e americano, senza la fastidiosa pregiudiziale di una patina di fighetteria finto-alternativa a tutti i costi. Notevoli.

(20/04/2008)

  • Tracklist
  1. Meet Me in the Dollar Bin
  2. Hold on to Your Genre
  3. We'll Make a Lover of You
  4. Fading Vibes
  5. The Sweat Descends
  6. Knowing How the World Works
  7. Hello Halo, Goodbye Glands
  8. Obsessed With the Excess
  9. One Way Window
  10. Yawn, Yawn, Yawn
  11. No Sleeves
  12. Reprobate's Resumé
  13. Reformat (live)
  14. Reformat (dramatic reading)
  15. Bringing Us Down
  16. Our Coastal Hymn
  17. Blackouts on Thursday
  18. Rodeo
Les Savy Fav su OndaRock
Recensioni

LES SAVY FAV

Root For Ruin

(2010 - Frenchkiss)
Le contorsioni del post-punk del gruppo di New York si fanno lascive, ma rimangono venate di inconsistenza ..




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.