Mudhoney

The Lucky Ones

2008 (Sub Pop) | hard-rock, grunge

Ottavo album in studio per i Mudhoney, la band che è diventata un anacronismo vivente, definita dai più "l'ultimo vero gruppo grunge in attività". Che senso ha un album dei Mudhoney nel 2008? C'è ancora qualcuno interessato a questo tipo di musica? Bè, innanzitutto "The Lucky Ones" esce esattamente a vent'anni dalla formazione del gruppo, segnando un importante giro di boa, e poi suona, a tutti gli effetti, come un ritorno alle origini. Ed è un disco buono, sorprendentemente buono.

Intendiamoci, Mark Arm e soci non propongono assolutamente nulla di nuovo, e qui, come vent'anni fa, ripropongono esattamente le solite cose. Ma un po' come per recenti "revival" passatisti (la ripresa delle sonorità rock dei Rem con il loro "Accelerate", la reunion della formazione originaria dei Dinosaur Jr), a convincere è l'energia e l'onestà dell'insieme.
"The Lucky Ones" presenta così una band rinvigorita, che dimostra di non aver perso lo smalto degli anni d'oro, e che ha saputo uscire dall'impasse creativa alla quale pareva relegata ormai da qualche album (tra cui l'insipido "Under a Billion Suns").

Registrato in appena quattro giorni, prodotto e mixato come se fosse una jam session da Tucker Martine, il nuovo lavoro dei Mudhoney è un prodotto fresco e veloce (undici canzoni, per appena trentasei minuti complessivi), che si ascolta con lo stesso piacere con cui, probabilmente, è stato ideato. Ovviamente gli anni sono passati, Martine non è Jack Endino, e i suoni di "The Lucky Ones" sono molto più puliti e levigati rispetto ai fiammeggianti singoli di fine anni 80, ma pezzi come "The Open Minds" e "I'm Now" sono tra i più rabbiosi e tirati nel repertorio della band, e non si scordano facilmente.

Per il resto tutto secondo copione: riff incadenscenti a cui provvede uno Steve Turner in gran forma (i migliori episodi in questo senso sono "Next Time", o "What's This Thing?", imparentata da vicino ai Jon Spencer Blues Explosion), piogge di feedback, Mark Arm che sbotta rabbioso come il giovane Iggy Pop ("Tales Of Terror"). E i giochi finiscono in fretta, prima che subentri la noia.

"The Lucky Ones" è un album che difficilmente farà guadagnare nuovi fan ai Mudhoney: ma per chi è cresciuto con "Touch Me I'm Sick", potrebbe essere una gradita sorpresa.

(26/05/2008)

  • Tracklist
  1. I'm Now
  2. Inside Out Over You
  3. The Lucky Ones
  4. Next Time
  5. And the Shimmering Lights
  6. The Open Minds
  7. What's This Thing?
  8. Running Out
  9. Tales of Terror
  10. We Are Rising
  11. New Meaning
Mudhoney su OndaRock
Recensioni

MUDHONEY

Digital Garbage

(2018 - Sub Pop)
Mark Arm e la sua ciurma grunge sono incazzati neri, soprattutto con la Rete

MUDHONEY

Vanishing Point

(2013 - Sub Pop)
I sempre inossidabili veterani grunge, a venticinque anni dall'esordio

MUDHONEY

Under A Billion Suns

(2006 - Sub Pop)

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.