Peter Kernel

How To Perform A Funeral

2008 (On The Camper Records) | post-punk, noise

Terzetto svizzero, Peter Kernel arriva all’esordio con “How To Perform A Funeral”, dopo la solita gavetta e le solite registrazioni amatoriali.

Da sempre intenzionati a mettere su colonne sonore per film muti (pare di capire che la bassista sia anche una regista in erba), i tre confezionano brani in cui ripetizioni e umori sono strutturati secondo un disegno cinematografico, con passaggi calibrati fin nei minimi dettagli, anche se, bisogno dirlo, il risultato, per il momento, lascia ancora molto a desiderare.

Se, infatti, con l’iniziale “He’s A Heartattack” sembrerebbero voler proporre una loro versione (anche piuttosto interessante) di certo math-rock scuro e tagliente, già con le ostinate intermittenze di “Videotapes In Dubai” le cose prendono decisamente una cattiva piega: ovvero, quella di un post-punk dagli accenti noise che, nel suo tenebroso, circolare incedere sbatte continuamente la testa contro un muro di balbuzie espressive, tra fantasmi di gioventù sonica che danzano rituali dark-punk (“I Counted Them To Die Properly”), sonnacchiose turbi post-adolescenziali (“In Case”, “Flies Die”) e ritornelli-tentazioni ma senza il bacio della Dea (“Smiling”).

Non che tutto ci dispiaccia, intendiamoci. Ma, inutile negarlo, ci piace poco l’aria da sufficienza che si respira tra le righe, dietro il paravento artistoide del distacco emozionale. Lontano, ci saranno pure cupezze abbacinanti (“Rena”); l’elettronica, in "Happy To See You", entrerà in ballo anche con qualche ideuccia carina a tastare il polso della situazione (peccato, poi, per quel falsetto tirato giù per i capelli... ma non si può avere tutto!); e “What The Hell” qualche punto a loro favore lo segnerà anche, con la sua enfasi corale, le sue vertigini luccicanti...

Eppure, non so perché, ma io dinanzi a questo lavoro mi annoio e non credo che, dopo averlo sviscerato a dovere per buttare giù queste righe, ritornerò sui miei passi per impormi il beneficio del dubbio…

(10/04/2008)

  • Tracklist
    1. He’s a Heartattack
    2. Videotapes in Dubai
    3. I Counted Them to Die Properly
    4. Shoot Back
    5. Happy to See You
    6. In Case
    7. Smiling
    8. Flies Die
    9. What the Hell
    10. Radio Cowboy
    11. Rena
Peter Kernel su OndaRock
Recensioni

PETER KERNEL

Thrill Addict

(2015 - On The Camper)
La band ticinese continua nel suo viaggio nelle zone di confine tra post-punk e indie-rock

Peter Kernel on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.