Tim Buckley

Live At The Folklore Centre NYC, March 6, 1967

2009 (Tompkins Square) | songwriter

Come coniglio bianco da tuba di mago, spuntano fuori questi nastri del genio allora in erba, Tim Buckley dal vivo al mitico Folklore Centre, Greenwich Village, NYC.
Infatti questo mitico concerto fu rigorosamente registrato su bobina magnetica da Izzy Young, proprietario del locale, che nel 1973 emigrò in Svezia. I nastri furono richiesti dalla Tompkins Square che ora li ha resi pubblici.

Certo i tempi sacrosanti di "Happy Sad" e soprattutto di "Lorca", "Starsailor" e "Blue Afternoon" erano ancora da venire, e questo cantautore ventenne, che ancora non aveva imparato a navigare le stelle, dagli occhi tristi e dalla voce profonda come nessuno, stava muovendo i primi passi in un mondo forse a lui più ostile di quanto potesse sopportare.

Nell'album alcune gemme da quel "Goodbye And Hello" che non era ancora uscito e che lo impose alla critica internazionale come una delle voci più interessanti del panorama musicale americano: "Phantasmagoria In Two"; "I Never Asked To Be Your Mountain", oppure dal seminale, aspro primo albo "Tim Buckley", uscito tre o quattro mesi prima, che ancora parlava il linguaggio dei folk-club newyorkesi: "Wings", "I Can't See You". Ma poi quella cover di "Dolphins" di Fred Neil che spaccava già il cuore in quella incarnazione così essenziale (avrebbe poi trovato posto, unica gemma sullo scadente "Sefronia"); la voce di Tim risuona ancora in erba ma così personale, profonda, intrigante, unica.

Questo live è un album ancora schietto e aspro. Voce e chitarra acustica: ma altro non serve per percepire le intense vibrazioni di uno dei grandissimi, vero genio. Una delle uscite essenziali di quest'anno. Indispensabile.

(22/09/2009)

  • Tracklist
  1. Song For Jainie
  2. I Never Asked To Be Your Mountain
  3. Wing
  4. Phantasmagoria In Two
  5. Just Please Leave Me
  6. Dolphins
  7. I Can't See You
  8. Troubadour
  9. Aren't You The Girl
  10. What Do You Do (He Never Saw You)
  11. No Man Can Find The War
  12. Carnival Song
  13. Cripples Cry
  14. If The Rain Comes
  15. Country Boy
  16. I Can't Leave You Loving Me
Tim Buckley su OndaRock
Recensioni

TIM BUCKLEY

Starsailor

(1970 - Straight / Bizarre)
Il viaggio struggente del navigatore delle stelle, tra folk e psichedelia

TIM BUCKLEY

Happy Sad

(1968 - Elektra)
Un museo di sensazioni, una rappresentazione intuitiva del neo-romanticismo

News
Tim Buckley on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.