E42

Uomini Celesti

2009 (Cantoberon) | alt-rock

L’esordio dei romani E42 (ex-Elettrojoyce) intitolato “Libera” risale al 2004 e dunque ben cinque anni lo separano dal suo successore; in questo lasso di tempo il gruppo ha avuto modo di definire meglio il proprio stile, senza affrettarsi nel pubblicare il suo secondo album. “Uomini Celesti” è un’offerta onesta nel vasto panorama di emergenti italiani: un lavoro di breve durata ma felicemente personale e senza eccessi, che dopo l’intro pianistico “XXI” sciorina pezzi di rock alternativo semplici ed efficaci – che in alcuni momenti ricordano un po’ gli ultimi Meganoidi. La voce di Andrea Salvati, quasi un Moltheni meno esasperato, esibisce testi di buon cantautorato che indagano l’enigma dei sentimenti moderni, accompagnando puntualmente le sommesse chitarre post-punk nel loro andamento sicuro e mai frenetico.
Una formula umile che sicuramente non stupirà nessuno ma che fa piacere ritrovare anche (ancora) nelle band “giovani” del nostro paese. Ne abbiamo davvero bisogno.

(19/05/2010)

  • Tracklist
1. XXI
2. Una Vita Violenta
3. La Strage delle Illusioni
4. Le Mille Luci
5. Vuoi perderti?
6. Le Curve
7. Per Davvero
8. Ricordami
9. The Young Men
10. Motus
E42 su OndaRock
Recensioni

E42

Libera

(2004 - Subhuman Records/Cantoberon Multimedis)

E42 on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.