Mika Vainio

Black Telephone Of Matter

2009 (Touch) | electro, electro-acoustic

Una delle due metà dei Pan Sonic, Mika Vainio, dà alla luce la sua sesta prova solista sotto il suo personale nome di battesimo, “Black Telephone Of Matter”. La poetica insita in quest’opera risiede in un intimo naturalismo, descrittivo come forse mai nella sua molteplice carriera di musicista elettronico, pur costretta a battagliare contro le freddure del mezzo digitale e di una tecnica di composizione intransigente.

Il bozzetto di “In A Frosted Lake”, per esempio, non potrebbe essere più descrittivo, con suoni glaciali al punto da evocare con forte realismo richiami sperduti nelle foreste ai bordi di un lago nordico. La quinta di natura di “Silencés Traverses Des Mondes Et Des Anges” è un concerto di field recordings e di cut-up, pause casuali e squarci industriali.
La sua ormai tipica manipolazioni di sorgenti naturali spetta a “Swedenborgia”, a suon di click’n’beat, sorta di “cornici” pittoriche, e risonanze deformate. La musique concrete in corto circuito di “The Breather” è introdotta da echi misteriosi e effetti flanger, e infine è sommersa da una nuova valanga industriale.

In ambito più astratto, Vainio pennella i puri ultrasuoni di “A Measurement Of Excess Antenna Temperature At 4080 ML/S”, ambient ridotto all’osso con fasce di suono random, e la doppietta “Roma A.D. 2727”-“ Bury A Horses Head”, due patchwork di radio works, rombi e ronzii, eventi gestuali e blocchi aleatori.

Anche presente come Ø, Vvv e Philus (oltre alle numerose collaborazioni intermedie alla carriera maggiore), il finnico Vainio attiva una partitura calcolata, scientifica, non certo affabile ma pur sospesa. Il rigore compositivo colto riesce persino a mascherare la raggiante irrazionalità di certi momenti uditivi (talvolta dolorosi per i padiglioni auricolari, come nel caso delle frequenze assolute di “Excess Antenna”).
Titolo e tracklist tradotti in loco anche in finlandese; “Bury A Horses Head” è dedicata allo statunitense John Duncan, suo collaboratore e compositore elettroacustico appassionato di biologia, percezione e metafisica.

(26/09/2009)

  • Tracklist
  1. Roma A.D. 2727
  2. Silencés Traverses Des Mondes Et Des Anges
  3. Bury A Horses Head
  4. In A Frosted Lake
  5. Swedenborgia
  6. A Measurement Of Excess Antenna Temperature At 4080 ML/S
  7. The Breather
Mika Vainio su OndaRock
Recensioni

MIKA VAINIO

Lydspor One & Two

(2018 - Moog Recordings Library)
Tra le ultime incisioni dell'ex-Pan Sonic anche una session del 2015 presso il Moog Sound Lab

MIKA VAINIO

Reat

(2017 - Elektro Music Department)
Uscita postuma per il guru della sperimentazione elettronica recentemente scomparso

MIKA VAINIO

Mannerlaatta

(2016 - iDEAL)
L'iper-frammentazione del linguaggio Pan Sonic a complemento di un film sperimentale

ARNE DEFORCE & MIKA VAINIO

Hephaestus

(2014 - Editions Mego)
Un viaggio immaginario per violoncello ed elettronica tra i fiumi dei cerchi infernali

Konstellaatio

(2014 - Shk)
Recuperiamo il miglior lavoro firmato quest'anno dall'instancabile Mika Vainio

MIKA VAINIO, JOACHIM NORDWALL

Monstrance

(2013 - Touch)
Set the controls for the heart of the noise

MIKA VAINIO

Fe3O4 - Magnetite

(2012 - Touch)
Il nuovo album dell'ex-Pan Sonic sintetizza un secolo di avanguardia musicale

MIKA VAINIO

Life (...It Eats You Up)

(2011 - Editions Mego)
Scenari post-nucleari per la nuova creatura dello sperimentatore finlandese

News
Mika Vainio on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.