Necks

Silverwater

2009 (ReR) | impro-jazz

Se c'è una cosa che non riesce bene ai Necks è misurare le proprie percezioni, rendere complesse delle astrazioni di per sé meravigliosamente semplici al solo fine di adeguare la propria arte al contesto, all'imbuto della forma-canzone, alla tragedia (nell'accezione greca) da popolino e alle sue mille diramazioni massificate.
"Silverwater" è il trionfo dell'improvvisazione come e forse in maniera più accentuata che sul precedente "Chemist". Da quest'ultimo, infatti, prende le mosse per sviluppare una consistenza se possibile ancora più diluita tra le ritmiche di un piano intrappolato nelle trame minimaliste, le evasioni jazz e i canoni classici.
Il basso stavolta segue i tracciati di un tessuto liquido, quasi inesistente che si abbandona a una ripetizione creativa, a un loop (o milioni di essi) che si prende il proprio tempo: nasce, cresce, matura e muore nell'arco vitale di un ciclo mai uguale a se stesso.
Il vero protagonista dell'album è comunque la percussione di Tony Buck (uno dei migliori batteristi del pianeta) a cui è affidato lo scheletro dinamico dell'opera.

La melodia è perennemente dietro l'angolo, ma non riesce a trovare spazio in maniera decisa e definita tra l'epidermide strutturale e il contenuto armonico di ambiti celebrativi di un flusso di coscienza antiestetico e per questo affascinante, subdolo, maniacale, libero.
Il trio australiano dà il meglio di sé dal vivo e in questo senso il live album "Townsville" del 2007 è un'istantanea e perciò è e resta apparato monodimensionale, impressione estetica a cui manca la profondità e il feeling tipico dello stage, il pensiero che si fa empirismo nell'attimo in cui l'idea diviene musica. In questo senso dovrebbe essere proibito ai Necks di registrare album in studio, in quanto il suono e il dinamismo che ne deriva risultano giocoforza essere astrazione dell'astrazione e dunque bieco realismo estetico fine a se stesso.
È comunque vero che "Silverwater" (una singola traccia di poco sotto i 70 minuti) è magia e ribellione, nichilismo musicale privo della violenta nemesi zorniana ma non per questo meno efficace. È la goccia cinese contro il machete.

Il risultato è un ambient quasi completamente organico (il ricorso all'elettronica, quando c'è, è puramente cosmetico), una stesura intricata di organi, piano, gong, hammond, batteria, basso, una flebile chitarra e un anklung indonesiano al servizio dell'improvvisazione. È lecito parlare di jazz, purché lo si intenda più come un mezzo rappresentativo che come il fine stesso dell'impianto artistico.
"Silverwater" è l'ennesimo passo in avanti in un territorio sempre più distante dai generi convenzionali ed è l'espressione viva e potente del taglio netto con la dottrina musicale fine a se stessa. Verrà il momento in cui il trio di Sydney dovrà fermarsi non trovando più un pensiero ispirato, ma quel giorno sembra ancora lontano e remoto nel futuro. Il presente è già storia e il passato è un ricordo sfocato e tremulo, da fermare nella mente piegandolo all'improvvisazione.

(13/01/2010)

  • Tracklist
  1. Silverwater
Necks su OndaRock
Recensioni

NECKS

Body

(2018 - Northern Spy)
Una momentanea virata spinge la formula del trio minimal-jazz in territori tangenti al rock

NECKS

Unfold

(2017 - Ideologic Organ)
Quattro lati di Lp per altrettante suite di saturazione impro-jazz

NECKS

Open

(2013 - ReR Megacorp)
Il trio Abrahams-Swanton-Buck nell'ennesima declinazione della sua potenziale fusion del futuro

News
Necks on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.