Oneohtrix Point Never

Zones Without People

2009 (Arbor Infinity) | hypnagogic pop

Nel numero di agosto di "The Wire", David Keenan ci informa che nei sottoscala americani i ragazzi si cimentano con un "nuovo" genere, l'hypnagogic pop (locuzione coniata dallo stesso Keenan) Cos'è l'hypnagogic pop? Be', null'altro che la fagocitazione di un pezzo di cultura immaginifico-sonora anni 80 - fatta di soundtrack di film mainstream, di certo  pop-rock da classifica e di certa new age da supermercato - nell'underground noise americano. In pratica una moan wave 2.0.

Senza dilungarci sui confini del genere, su "Volcanic Tongue" lo stesso Keenan include "Zones Without People" tra le migliori espressioni di hypnagogic pop (...). Di Daniel Lopatin, deus ex machina di Oneohtrix Point Never, qui su OndaRock ci siamo occupati in occasione dell'uscita di "Artificial Midnight" di Infinity Window - l'altra sua creatura - e anche in quel caso era interessante osservare la devozione quasi feticistica del nostro ai suoni elettronici vintage.

Qui Lopatin si supera nel suo slancio citazionista, cortocircuitando presente e passato, e andando a forgiare un suono i cui referenti si perdono in un magma liquido di luccicanze sintetiche. Echi di Tangerine Dream, Ash Ra Tempel, Alan Parsons Project, Peter Frohmader si alternano impudici, affrescando visioni di una nuova new age costruita tra rifiuti del post-moderno morente.

Al di là di tutto, è interessante constatare, per l'ennesima volta, come determinati suoni, spesso considerati di serie Z, ripescati e rielaborati in contesti distanti dagli originari, si dimostrino malleabili e meno stupidi (e strumentali) di quanto pensasse una certa intellighenzia rock, E di ciò bisognerà riparlare, considerato pure il recupero massiccio della library music, avviato in verità già a partire dalla seconda metà dei 90.

Il disco, comunque scorre che è un piacere.

(05/09/2009)

  • Tracklist
1. Computer Vision
2. Format & Journey North
3. Zones Without People
4. Learning To Control Myself
5. Disconnecting Entirely
6. Emil Cioran
7. Hyperdawn
Oneohtrix Point Never su OndaRock
Recensioni

ONEOHTRIX POINT NEVER

Age Of

(2018 - Warp)
L'età indefinita del nuovo mosaico elettronico di Daniel Lopatin

ONEOHTRIX POINT NEVER

Garden Of Delete

(2015 - Warp)
La rincorsa al futuro che partorisce il presente. Il caso di Lopatin e il suo hypergrunge over-emotivo ..

ONEOHTRIX POINT NEVER

R Plus Seven

(2013 - Warp)
L'anarchia elettronica al retrogusto ipnagogico di Daniel Lopatin approda in casa Warp

ONEOHTRIX POINT NEVER

Returnal

(2010 - Editions Mego)

L'album della maturazione per la creatura di Daniel Lopatin

News
Oneohtrix Point Never on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.