Richard Skelton

Landings

2009 (Type) | drone-folk, ambient

Il dialogo tra un uomo e la natura, un'anima colta in una ricerca spasmodica di armonia e purezza nel silenzio e nella pace indifferente della natura. "Landings" è il risultato di un lavoro lungo 4 anni, summa maestosa dell'arte impressionista di Richard Skelton, schivo artista britannico attivo già da qualche anno dietro una pletora di pseudonimi (A Broken Consort, Carousell, Riftmusic), attraverso i quali ha pubblicato diversi e limitatissimi lavori tutti rigorosamente auto-prodotti con la sua label casalinga Sustain-Release. Sino alla riscoperta da parte di etichette quali Preservation e Type, e alla prima pubblicazione ufficiale a suo nome, lo straordinario "Marking Time", edito nel 2008.

Chitarra, violino, loop-pedals e pochissimo altro è lo scarno arsenale con cui il paesaggista inglese dà vita alle sue introspettive e autunnali impressioni, e la povertà di mezzi esalta l'ascetica e fluente grandiosità della sua musica, di cui "Landings" è per l'appunto l'approdo, il compimento. Un uomo solo in una brughiera mossa dal vento, incorniciato dalle sagome di alberi spogli, natura di cui Skelton sembra saper cogliere la voce antica e recondita, una voce sulla quale lasciar scorrere la propria più intima ispirazione, annullandovi se stesso e quel remoto eppure pressante senso di perdita, dolore e solitudine che grava costante sulla sua musica (l'intera vicenda artistica di Richard Skelton si situa all'indomani della precoce scomparsa della moglie Louise).

Una musica che rende "visibile" e tangibile un mondo fatto di sensazioni celate in chiaroscuro, stratificazioni acustiche che penetrano la mente con una forza e una naturalezza che hanno pochi eguali. Musica di vibrante e incontaminata intensità, priva di qualsiasi velleità intellettuale o accademica, "Landings" è il soffio vitale che spira dall'essenza più pura dell'anima, un viaggio nel cuore delle cose più semplici e vere, un mistero che si svela in un senso eterno di abbandono, conforto e sollievo.

(16/01/2010)

  • Tracklist
1. Noon Hill Wood
2. Scar Tissue
3. Threads Across The River
4. Green Withins Brook
5. Of The Last Generation
6. Undertow
7. Voice Of The Book
8. Rapture
9. Pariah
10. River Song
11. Remaindered
12. The Shape Leaves
Richard Skelton su OndaRock
Recensioni

RICHARD SKELTON

Verse Of Birds

(2012 - Corbel Stone Press)
Nuove meditazioni drone per l'ascetico violoncellista inglese

Richard Skelton on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.