The Handsome Family

Honey Moon

2009 (Carrot Top) | country

Cantastorie di fantasmi e omicidi sulle vie che portano dalla “natia” Chicago ad Albuquerque, la terra che ha dato nuova linfa alle loro poesie da marciapiede, The Handsome Family si sono imposti fin dalla metà degli anni 90 come maestri indiscussi nell'echeggiare atmosfere gotiche e lugubri in misteriose murder ballad, ballate noir-country e bluegrass maledetti.
Prescindendo dalle influenze e dai suoni messi in campo, è indubbio che la vera costante di tutta la loro lunga parabola artistica risieda in particolare nel mai nascosto profondo amore tra i due componenti del gruppo, i coniugi Brett e Rennie Sparks, che ha permesso loro di superare svariati momenti difficili, dopo i quali si sono sempre ritrovati più uniti che mai, tanto musicalmente quanto sentimentalmente.

"Honey Moon", ottava fatica del duo, esce proprio come celebrazione di questo idillio amoroso, perché nella storia di The Handsome Family il sentimento svetta assoluto per importanza. Più precisamente, questo album rappresenta la luna di miele che i due si concedono in occasione del ventennale del loro matrimonio ed è incredibilmente facile immaginarli, sigaretta in bocca e camicia a quadri, alla guida del loro Ford Ranchero, all'ascolto di old-style country e smancerie easy listening anni 50, con George Gershwin, Frank Sinatra e il primo Scott Walker nel cuore e nella testa.
Interpretando tali suoni in un fioccare di elementi traditional pop, vocal jazz o più tipicamente american-rock, il risultato è un pastiche sonoro fortemente contrastante con l'iter stilistico fin qui delineato, un'opera di redenzione che rifugge temi oscuri o storie di (più o meno) quotidiana disperazione per narrare leggere e limpide fiabe d'innamoramento.

L'atmosfera iniziale è quella di due innamorati alla prima di un cabaret anni 50, con la voce baritonale di Brett Sparks sempre in primo piano nella barocca "Linger, Let Me Linger", mentre lo scorrere leggero delle tastiere, in punta di piedi, in "My Friends" indirizza la rotta verso il country convenzionale di "When you Whispered", omaggiando poi la coppia Johnny Cash-June Carter nel duetto di "Wild Wood", dove rimbomba persistente un clima da spensierate love songs.
In bilico costante tra classicismo country-rock ("Little Sparrows", "A Thousand Diamond Rings") e innamorate marcette easy listening ("The Loneliness Of Magnets", "Darling My Darling"), l'album scorre leggero e piacevole, per quanto non totalmente privo di spunti più avventurosi, come il sottile cavalcare in crescendo di chitarre in "June Bugs" o il curioso caso di ritmo sincopato di organetto in "Love Is Like", comunque sempre affini alle atmosfere romantiche, languide e sognanti caratterizzanti "Honey Moon".

Suonando con estrema grazia e abilità, i coniugi Sparks, pur con uno spiccato anacronismo, donano note fuori dal tempo in un atipico compendio del loro amore, che profuma tanto di rose rosse quanto di caso isolato, essendo inserito in una discografia dai toni ben più plumbei.
Piacevole attesa di altri dimessi racconti di suadente oscurità.

(25/03/2009)

  • Tracklist
  1. Linger, Let Me Linger
  2. Little Sparrows
  3. My Friend
  4. When You Whispered
  5. The Loneliness Of Magnets
  6. June Bugs
  7. A Thousand Diamond Rings
  8. Love Is Like
  9. The Petrified Forest
  10. Wild Wood
  11. Darling, My Darling
  12. The Winding Corn Maze
The Handsome Family su OndaRock
Recensioni

THE HANDSOME FAMILY

Unseen

(2016 - Virtual)
I coniugi Sparks si nascondono dietro la loro musica per proteggersi da un fugace successo

The Handsome Family on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.