Neil Young

Fork In The Road

2009 (Reprise) | songwriter, southern rock

Passata la sua personale demagogia anti-Bush di "Living With War" (e i dischi-recupero di "Chrome Dreams 2" e soprattutto dei due bootleg live di pregio), Neil Young approda ancora all'attualità mondiale con un nuovo disco "a pretesto" (non propriamente "a tema"), stavolta larvatamente Obama-oriented. "Fork In The Road" è così dedicato alle problematiche ecologico-ambientali, e alle cosiddette "fonti energetiche alternative". Il punto di vista, manco a dirlo, è quello delle automobili - una delle passioni del loner canadese - e delle "Lincoln" in modo particolare. Come in "Living With War" Young si rimangiava la sua leggendaria introversione, in "Fork In The Road" si rimangia il suo amore per prendere posizione contro l'inquinamento e il mercato del petrolio. L'operazione vale più come mero pretesto che come opera d'arte.

A parte lo sciapo rock sudista di "Johnny Magic" (che si porta ancora dietro la logorrea di "Greendale"), il disco rimpolpa la chitarra del leader - di nuovo privata dei Crazy Horse - di cori hippie in "Just Singing a Song", di soul motown in "Fuel Line", del passo quasi west-coast rap in "Cough Up The Bucks". Ma questi brani debordano gratuitamente nel comico involontario.

Young prova poi a ritagliarsi uno spazio per un blando lento con organo gospel ("Off The Road") e una ballata folkish vecchio stile ("Light a Candle"), che, accostata alla soavità fantasmagorica di "Harvest", suona come pura muzak. Quindi riprende toni possenti in "Get Behind The Wheel", con cui rispolvera persino l'imbarazzante honky-tonk di "Everybody's Rockin'" (ma stavolta innervandolo di un generico spirito di rocker di razza) e in "Hit The Road", la risposta da macho a "Off The Road".

Con l'ormai usuale accompagnamento video (che lo vede nuovamente star sui generis), con il singolo "Cough Up The Bucks" e svariati brani distribuiti gratuitamente via myspace, e con il pretesto "corale" proveniente da "Living With War" (che stavolta non regge), le dieci tracce hanno un mood sfacciatamente arioso, in linea con il supporto alla conversione da consumo a benzina a consumo elettrico delle "Lincvolt", brevettate da Jon Goodwin. Nondimeno, hanno assorbito il modus operandi degli ultimi decorsi del vegliardo autore: la scrittura di getto, che evita spesso e volentieri di guardarsi indietro preferendo puntare all'istintività (resa competente dall'esperienza), ignorando erroracci di arrangiamento e banalità. Preludio alla fantomatica pubblicazione del primo volume dei mitici "Archives".

(09/04/2009)

  • Tracklist
  1. When Worlds Collide
  2. Fuel Line
  3. Just Singing A Song
  4. Johnny Magic
  5. Cough Up The Bucks
  6. Get Behind The Wheel
  7. Off The Road
  8. Hit The Road
  9. Light A Candle
  10. Fork In The Road
Neil Young su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Earth

(2016 - Reprise)
Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Monsanto Years

(2015 - Reprise)
Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco pił "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

News
Speciali

Neil Young on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.