Antony / Fennesz

Returnal

2010 (Editions Mego) | ambient, drone

"Returnal" è un'astrazione in formato 7", avente origine nella complessità del linguaggio di Daniel Lopatin, alias Oneohtrix Point Never. Autore di una silenziosa rivoluzione musical-semantica, la sua ultima fatica attinge dalle più svariate fonti, in un magmatico ribollire di reminiscenze cosmiche, macedonie anni 80 e lunghe scie di ambient ultra-moderna.
Da un testo così sfaccettato, apparentemente impossibile da decodificare, Antony Hegarty ricava una semplice sequenza melodica al pianoforte, astraendo se stesso per reinterpretare la linea vocale del brano di Lopatin, sepolta sotto fittissimi strati di elettronica; una terra straniera su cui sta in equilibrio precario, ma che in qualche modo trasmette sicurezza, come se ci trovassimo in un limbo onirico tra il cielo e l'abisso. Sarà Fennesz, invece, ad attuare il secondo grado di astrazione, appropriandosi a sua volta dei gorgheggi di Antony, riplasmati a immagine e somiglianza dei suoi droni eterei. Il vibrare delle corde vocali si fa materia elastica, si contrae ed espande sinuosamente tra i solchi di vinile per un tempo che potrebbe non finire mai.
Sono soltanto alcuni minuti, come un breve sogno, per l'appunto. Non ci speravamo per nulla ma c'è, e a maggior ragione ne va lodata la capacità di abbattere, in un così breve termine, le barriere che solo nella nostra mente separano le innumerevoli espressioni della musica di oggi, e non solo. Illuminante.

(13/08/2010)

  • Tracklist
  1. Returnal
  2. Returnal

 

Antony / Fennesz on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.