Futureheads

The Chaos

2010 (Black Candy) | pop, rock, punk

Sopravvissuti in qualche modo alla fine di una british invasion che, ponderata col facile senno di poi, somiglia quasi a uno sbarco in Normandia al contrario, i Futureheads erano ai tempi uno dei cavalli più appetibili su cui staccare una puntata sicura per la conquista dell'alloro finale. Il loro primo e omonimo album di debutto, con quella sua grafica un po' stilizzata in tinta grigia, rilasciato sotto l'egida non certo casuale del maestro di bottega post-punk Andy Gill, inaugurò a suo modo un filone stilistico di grande fortuna, deflagrando come un grido di guerra, perentorio e luminoso di speranza, tra le frequenze di una Radio Londra assediata e i dispacci dal fronte di un NME infervorato e balbettante d'entusiasmo. Poi, tra cloni più furbi e sbandamenti discografici assortiti, il gruppo perse l'attimo decisivo nella palude opaca e interlocutoria di un secondo e di un terzo album da dimenticare (e infatti dimenticati), difendendo il sacro fuoco cultuale di fan fedelissimi quasi unicamente grazie a un'attività concertistica sempre entusiasmante e pressoché instancabile.

La band torna finalmente quest'anno con una collezione di brani nuovi (pubblicata nel Belpaese dall'italianissima Black Candy), fresca e briosa, un po' cialtrona e gaglioffa, a mezza via tra gli Xtc e i Thin Lizzy, prodotta in combutta con il fido Youth e costruita con quello che ai nostri inglesi riesce meglio, ovvero un power-pop-punk metalizzato e aerodinamico, infarcito come un tacchino di rimasticature filosofiche di quarta mano (perché il rock è anche e soprattutto una scuola secondaria non dell'obbligo, come diceva ai bei tempi Vic Godard) e astruse teorizzazioni fanta-astrologiche armonizzate in deliziosi siparietti corali a più voci (non per niente il gruppo ha manifestato l'intenzione di pubblicare un intero disco di canzoni a cappella).

Mentre scorrono le elettrizzanti geometrie di "Stuck Dumb", "Heartbeat Song", "I Can Do That" e dell'eccezionale "The Baron" (tra doo wop, funzionalismo Bauhaus e Pop Group cartoonesco), il gruppo di Sunderland continua a imbottire la fusoliera delle proprie canzoni con il tritolo di ritornelli appuntiti come missili terra-aria, intrecciando il furore tragicomico di inni militareschi e impettiti con il passo dell'oca di un'utopia semiseria lanciata verso la conquista dell'universo a suon di frottole ed entusiasmo superomistico.
Non ci riusciranno, ma tifiamo per loro, perchè solo i primi a saperlo e non si tirano indietro.

(18/11/2010)

  • Tracklist
  1. The Chaos
  2. Struck Dumb
  3. Heartbeat Song
  4. Stop The Noise
  5. The Connector
  6. I Can Do That
  7. Sun Goes Down
  8. This Is The Life
  9. The Baron
  10. Dart At The Map
  11. Jupiter
Futureheads su OndaRock
Recensioni

FUTUREHEADS

Rant

(2012 - Nul Records)
L'inattesa virata verso la tecnica pura del coro a cappella dei Futureheads č ancora un successo artistico ..

FUTUREHEADS

This Is Not The World

(2008 - Nul Records)
Terza fatica per la band inglese, sempre sulla scia di Xtc e Jam

FUTUREHEADS

News And Tributes

(2006 - Vagrant)
La conferma a buoni livelli del quartetto pop-wave di Sunderland

FUTUREHEADS

The Futureheads

(2004 - 679 Recordings)
Uno dei debutti indie pių esuberanti del 2004

Futureheads on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.