I Am Above On the Left

Astro

2010 (R. A. I. G.) | experimental rock

Il primo fatto con cui, volente o nolente, l'ascoltatore deve scendere a patti è che qui le cose sono cambiate e non poco. Il trio strumentale di Mosca, autore di un ottimo esordio omonimo, nonché dello stupefacente e viscerale "An A-Bomb to Wake Up", ha per il momento accantonato una parte dell’originaria carica distruttiva: "Astro" vuole essere, nelle sue dieci tracce senza titolo, un unicum attraversato da tante influenze ma con un'identità nuova e irripetibile.
La furia post-hardcore dei dischi precedenti sembra qui riproposta in slow motion, meno violenta ma decisamente più inquietante; lunghe pause e sporadiche scariche distorte, una incessante camminata sul filo del rasoio, pronto a tagliare quando meno ce lo si aspetta. Si passa da chitarre slintiane a mordenti linee di basso elettrico, da ritmi sincopati di bacchette a colpi di tamburi tribali. Una musica in costante moto e metamorfosi, un'esplorazione sonora lucida e razionale come fu “The Futurist” degli Shellac.
A discapito di tutto ciò va un generale senso di freddezza, che d'altra parte è caratteristica fondante di una sperimentazione così ragionata, non più spontaneamente incisiva come nelle precedenti prove. Si può quindi dire che l'obiettivo degli I Am Above On the Left è stato raggiunto solo in parte; potrebbe anche trattarsi di un leggero passo indietro per i tre, ai quali però va riconosciuto un lodevole sforzo creativo e una sempre maggior dose di coraggio. Da non disprezzare.

(18/03/2010)

  • Tracklist
  1. Untitled 1
  2. Untitled 2
  3. Untitled 3
  4. Untitled 4
  5. Untitled 5
  6. Untitled 6
  7. Untitled 7
  8. Untitled 8
  9. Untitled 9
  10. Untitled 10
I Am Above On the Left on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.