MGMT

Congratulations

2010 (Columbia) | psych-pop

Never trust a hippie, recita l'adagio. Vatti a fidare degli MGMT, si potrebbe dire oggi: un giorno ti fanno un dischetto estivo tutto elettropop/freak, e mentre li attendi al varco per un bis alla maranza di "Electric Feel", se ne escono con un sunshine pop che che pare sbucato dritto dai Sixties.

Che gli è successo? Semplicemente, si sono accorti che per evocare un po' di gioiosa malinconia (aka la quintessenza dell'indie-pop) basta arraffare dal canzoniere di Love, Turtles e gente così, agitare ben bene e riassemblare, con un occhio ai Flaming Lips possibilmente. Un piano perfetto: i più fessi manco se ne sarebbero accorti, gli altri si sarebbero divertiti a fare il gioco dei riconoscimenti.
Gaudeamus igitur: le canzoni ci sono, il risultato pare un mix fantasioso tra Sparks e Coral e l'album fila che è un piacere.

A lungo andare, poi, si rivela più ricco del previsto. Quella simil-Nuggets è solo una facciata, un camuffamento attraverso cui mettere in scena un gusto camaleontico per gli anacronismi e le girandole stilistiche. "Congratulations" reinterpreta in modo atipico il canone indie-pop di purezza, nostalgia e semplicità: non negandole, ma facendole apparire un gioco, un cartone animato.
Anche gli arrangiamenti sono dipinti sulla cartapesta: al di là delle carnevalate e di qualche trickeria parsoniana, la profondità orchestrale delle produzioni sixties è lontanissima. E va bene così, perché pezzi mutaforma come "Flash Delirium" e "Siberian Breaks" (12 minuti di voltafaccia Love/ Macca/ Yes/ Jesus and Mary Chain/boh) si gustano proprio per la loro sobrietà: molti funambolismi ma zero pomposità, mille colori frutto di poche stratificazioni...

Mancano i pezzi forti, va ammesso. Niente sequel per "Time To Pretend" e "Kids". Eppure, ogni tassello della tracklist è ben costruito, divertente e leggero - più leggero dell'aria.
Dannati venditori di fumo, anche questa volta stupiscono e convincono. Volete fidarvi o no?

(15/04/2010)

  • Tracklist
  1. It's Working
  2. Song for Dan Treacy
  3. Someone's Missing
  4. Flash Delirium
  5. I Found a Whistle
  6. Siberian Breaks
  7. Brian Eno
  8. Lady Dada's Nightmare
  9. Congratulations
MGMT su OndaRock
Recensioni

MGMT

MGMT

(2013 - Columbia)
Le attese sperimentazioni del duo del Connecticut: psichedelica confusione e pop bugiardo

MGMT

Oracular Spectacular

(2008 - Columbia)
Il boom di due freakettoni del Connecticut in salsa elettro-pop

News
MGMT on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.