Motorpsycho

Heavy Metal Fruit

2010 (Rune Grammofon) | hard-rock, psychedelic rock

“Questa è la cosa più pesante che abbiamo fatto in 15 anni”, ha dichiarato Bent Sæther.
Be’, si può anche concordare, perché “Heavy Metal Fruit” è sicuramente un disco “massiccio”. Un disco che ha il merito, rispetto al precedente "Little Lucid Moments", di mostrare qualche direzione più precisa, qualche idea sviluppata in maniera più vigorosa, anche se la band ha il difetto di lasciarsi andare con eccessiva sicurezza al fluire della musica, senza tenere conto dei rischi di una jam hard-psichedelica tirata un po’ per le lunghe.

I Motorpsycho, riappropriatisi della loro giovinezza, tirano comunque fuori gli artigli, anche se i risultati sono quelli che sono. Con gli special guest Mathias Eick alla tromba (proveniente dai Jaga Jazzist) e Hanne Hukkelberg alla voce, il disco affida a “Starhammer” il compito di definire le sue coordinate basilari: sound potente e “metallico”, che si stempera in fraseggi ipnotici à-laDark Star” e che, poi, lentamente riprende quota, fino al colpo di coda lisergico.

Sia l’urgenza enfatica di “X-3 (Knuckleheads in Space)” – con sprazzi di free-jazz nella parte centrale – che le propulsioni mastodontiche di “W.B.A.T.” fanno pensare a una qualsiasi band proto-metal in gita nello spazio. "Heavy Metal Fruit" è, insomma, uno di quei dischi "perfetti" per quanti davvero non riescono ad accettare il presente del rock, rifugiandosi, a più riprese, in un passato forse fin troppo mitizzato. Va detto, comunque, che i Motorpsycho possiedono quella classe che molte delle band che si avvicinano a queste sonorità nemmeno si sognano.

Per cui, tutto già ampiamente sentito e stra-digerito, ma fa sempre un certo effetto confrontarsi con le rovinose catastrofi interstellari di "The Bombpoof Roll And Beyond" (chiedi chi erano gli Hawkwind…). Poi, però, i sentimenti si fanno da parte e la ragione chiede spiegazioni. E, allora, bisogna fare i conti con la stucchevolezza fuori luogo della ballata “Close Your Eyes” e con il gran finale  di “Gulliver´s Travails Pt. I-IV”, capace di accentuare la vena progressiva del disco, ma anche di mettere in luce tutte le crepe di un’ispirazione piuttosto disidratata.

Per gli amanti del genere e per gli aficionados più irriducibili della compagine norvegese.

(18/01/2010)

  • Tracklist
1. Starhammer
2. X-3 (Knuckleheads In Space)
3. The Bombpoof Roll And Beyond
4. Close Your Eyes
5. W.B.A.T.
6. Gulliver´s Travails Pt. I-IV
Motorpsycho su OndaRock
Recensioni

MOTORPSYCHO

The Tower

(2017 - Stickman)
Ritorno al disco doppio di jam rocciose per i tre norvegesi

MOTORPSYCHO

Here Be Monsters

(2016 - Stickman)
Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO

Supersonic Scientists

(2015 - Stickman)
Doppia retrospettiva per festeggiare il traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Behind The Sun

(2014 - Stickman)
Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Still Life With Eggplant

(2013 - Stickman)
Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO

The Death Defying Unicorn

(2012 - Rune Grammofon)
Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz ..

MOTORPSYCHO

Child Of The Future

(2009 - Rune Grammofon)
Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band ..

MOTORPSYCHO

Little Lucid Moments

(2008 - Rune Grammofon)
Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO

Black Hole / Blank Canvas

(2006 - Stickman)
La truppa motorpsichedelica si cimenta in un album doppio

MOTORPSYCHO

It's A Love Cult

(2002 - Stickman)

Live Report
Motorpsycho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.