Natural Snow Buildings

The Centauri Agent

2010 (Vulpiano Records) | free-folk psichedelico, drone-ambient, cosmica

Nelle maestose profondità cosmiche da cui, improvvisa, giunge “Our Man From Centuri”, sono ancora vivissime le tracce delle esperienze più trascendentali del precedente capolavoro. Un lento, dilatatissimo germogliare di sonorità sfavillanti, sparse illuminazioni folk e infiniti pellegrinaggi della mente. Oltre quarantuno minuti di purissimo distillato celestiale, ma dove i riverberi paradisiaci sono intrisi di un senso di perdita che non offre altre soluzioni se non quella della pura, solerte contemplazione di un’assenza inesplicabile.

Terminato, dopo le meditazioni aliene di “The Accidental Remote Viewer”, il primo disco, la dimensione si capovolge e la Terra appare all’orizzonte, lontana come un miraggio, ma a portata di mano tra le ragnatele del sogno. Dietro le torbide sembianze di “The Psychic Circle/Uchronia” (dolente folk siderale con la passione per le tenebre e gli spettri silvestri), fa capolino la dolcissima voce di Solange Gularte. Una voce che attraversa come un’eco latente anche gli struggimenti intimi di “Black Holes” e gli incanti bucolici trasfigurati in fiabe cosmiche che le stelle, ininterrottamente, si narrano a vicenda tra le spirali elettroniche di “The Storm Of Resurrection”, trasformandosi, alfine, in purissima vibrazione oltre le nebbie adamantine di “Stuttering Probe”.
Tra incanto e misteriosi fremiti di malinconia, si elevano, poi, le commoventi e innodiche fattezze di “Moscow Signal”, preludio alla quiete radiosa di “Phantom Twin”.

Siamo di fronte all’ennesima opera smisurata e, ovviamente, solo ascolti ripetuti potranno darvi il senso delle molte scorciatoie sonore, delle mille, velate iridescenze spirituali. Per quanto mi riguarda, sono mesi che inseguo i due tra queste valli desolate dove il folk e la musica cosmica fanno il girotondo intorno al fuoco eterno del Mondo. E, nonostante qualche lungaggine, la magia è ancora intatta, come quando, in “Emergency Network Farewell Broadcast”, gli strumenti galleggiano dentro una ruvida, onirica foschia, dilapidando ogni loro emozione nel trionfale addio di “Memories Found In A Bill From A Small Animal Vet”.

I picchi di “Shadow Kingdom” sono, probabilmente, irraggiungibili e, in parte, lo stesso equilibrio di “The Dance Of The Moon And The Sun” resta intatto. Eppure, “The Centauri Agent” riesce a mantenere accesa la fiamma della nostra autentica ammirazione.

(21/07/2010)

  • Tracklist
Cd 1

1. Our man from Centauri
2. The Accidental Remote Viewer

Cd 2

1. The Psychic Circle/Uchronia
2. Black Holes
3. The Storm of Resurrection
4. Moscow Signal
5. Phantom Twin
6. Stuttering Probe
7. Solar Flares
8. Emergency Network Farewell Broadcast
9. Memories Found in a Bill from a Small Animal Vet
Natural Snow Buildings su OndaRock
Recensioni

NATURAL SNOW BUILDINGS

Aldebaran

(2016 - Vulpiano)
A sorpresa, una sestupla raccolta digitale per i capofila del drone-folk

NATURAL SNOW BUILDINGS

Terror's Horns

(2015 - Ba Da Bing!)
Il duo francese contamina il proprio drone-folk con umori di gothic-americana

NATURAL SNOW BUILDINGS

The Ladder

(2015 - Ba Da Bing!)
Ancora una manciata di inediti per il duo francese, in regalo con l'edizione speciale di "Terror's Horns" ..

NATURAL SNOW BUILDINGS

The Night Country

(2014 - autoprodotto)
Il ritorno del duo francese, sempre in bilico tra free-folk cosmico, psichedelia e drone

NATURAL SNOW BUILDINGS

Beyond The Veil

(2012 - Blackest Rainbow)
L'ennesimo, stanco disco del duo francese, ormai in crisi di ispirazione

NATURAL SNOW BUILDINGS

Waves of the Random Sea

(2011 - Blackest Rainbow)
Un nuovo dispaccio dalle terre incantate del duo transalpino

NATURAL SNOW BUILDINGS

Chants Of Niflheim

(2011 - Blackest Rainbow)
L'ennesimo dispaccio dalle terre incantate del duo transalpino

NATURAL SNOW BUILDINGS

Shadow Kingdom

(2009 - Blackest Rainbow)
Il duo francese alle prese con le avvolgenti evoluzioni di un suono "smisurato"

NATURAL SNOW BUILDINGS

Laurie Bird

(2008 - Students Of Decay)

Enigmatica, passionale elegia in veste free-folk onirico

Natural Snow Buildings on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.