Ólafur Arnalds

...And They Have Escaped The Weight Of Darkness

2010 (Erased Tapes) | modern classical, post-rock

Nel volgere di pochi anni, l'appena ventitreenne Ólafur Arnalds è passato da un'esperienza come batterista in una misconosciuta band metal e dall'autoproduzione del suo primo "Eulogy For Evolution" a stella nascente della musica islandese più suggestiva, circondato da innumerevoli attenzioni e ormai definitivamente pronto per il grande salto tra i migliori interpreti di quelle raffinate propaggini dell'indie-rock, protese verso retaggi classici e ispirazioni cinematiche.

 

Proprio da una pellicola - nella fattispecie "Le armonie di Werckmeister" dell'ungherese Bela Tarr - il giovane compositore ha tratto lo spunto concettuale per questo suo secondo attesissimo album, che fa seguito ai vari "assaggi" offerti nell'ultimo biennio: "Variations Of Static", "Found Songs", "Dyad 1909". L'inesorabile successione della luce al buio, il sole e la terra (sólin e jörðin, ai quali sono dedicati i primi due brani del lavoro) rappresentano i cardini intorno ai quali ruotano le composizioni di Arnalds, finora mai così dense e dotate di un suono reso "pieno" probabilmente anche dalla coproduzione firmata da Barði Jóhannsson (Bang Gang, Lady & Bird).

In parallelo, è proprio l'universo sonoro di Arnalds ad essersi ampliato, per attestarsi su un nuovo equilibrio, costituito non solo da minimalismo pianistico, ma anche da orchestrazioni più ricche, incursioni ritmiche e cammei di chitarre ed elettronica, che vi conferiscono una significativa grandiosità, spostandone altresì il mood da quello di una contemplazione nostalgica a un luminoso messaggio di speranza.

 

I poco oltre quaranta minuti di "...And They Have Escaped The Weight Of Darkness" traggono sempre abbrivio da note di pianoforte intense e cadenzate, la cui semplicità non è certo sinonimo di banalità quanto piuttosto funge da tessuto armonico sulle cui fragili suggestioni si innestano gradualmente prima aperture ritmiche e orchestrali ("Tunglið"), poi derive chitarristiche che tratteggiano scenari ultraterreni di floydiana memoria ("Gleypa Okkur") e infine filmici crescendo sigurrosiani nei quali l'essenzialità pianistica si trasfigura in grandiosità da band ("Hægt, Kemur Ljósið").
Quasi tutte le composizioni raccolte nel disco seguono un itinerario di progressiva stratificazione e aggiunta di elementi, dischiudendo ricchi bozzoli emozionali, dai quali stillano dolci lacrime sotto forma di rincorrersi d'archi o di crescendo che tradiscono lontane fascinazioni post-rock, senza tuttavia mai ricadere in canovacci ormai decisamente abusati.

Sono infatti ancora l'ariosa essenzialità del pianoforte e il suo cristallino dialogo con il violino a costituire lo scheletro portante di brani il cui flusso avvolge in un abbraccio capace di condurre in una dimensione di mera percezione, che induce a lasciare piacevolmente in secondo piano qualsiasi considerazione formale o tecnicista. E se anche a livello di efficacia evocativa il giovane Ólafur Arnalds non può ancora paragonarsi al più maturo connazionale Jóhann Jóhannsson (al quale è ormai ripetutamente accostato), "...And They Have Escaped The Weight Of Darkness" non fa altro che confermare il suo talento, regalando scorci paradigmatici di una declinazione post-classica, dal cuore così vicino alle sensibilità latamente "rock" da lasciar presagire un'imminente e meritata progressione su vasta scala della popolarità dell'artista islandese.

 

(10/05/2010)

  • Tracklist
  1. Þú Ert Sólin
  2. Þú Ert Jörðin
  3. Tunglið
  4. Loftið Verður Skyndilega Kalt
  5. Kjurrt
  6. Gleypa Okkur
  7. Hægt, Kemur Ljósið
  8. Undan Hulu
  9. Þau Hafa Sloppið Undan Þunga Myrkursins
Ólafur Arnalds su OndaRock
Recensioni

ÓLAFUR ARNALDS

Island Songs

(2016 - Mercury Classics)
Sette brani per sette giorni tra i ghiacci dell'Islanda

ÓLAFUR ARNALDS & ALICE SARA OTT

The Chopin Project

(2015 - Mercury Classics / Universal / Deutsche Grammophon)
Elogio dell'imperfezione nelle intime riletture del maestro romantico

ÓLAFUR ARNALDS

For Now I Am Winter

(2013 - Mercury Classics)
Un piccolo passo verso l'emancipazione cantautorale del compositore islandese

OLAFUR ARNALDS

Another Happy Day OST

(2012 - Erased Tapes)
Solo piano ed archi a servizio del debutto alla regia del figlio del regista di "Rain Man"

ÓLAFUR ARNALDS

Found Songs

(2009 - Erased Tapes)
Dal web alla pubblicazione ufficiale, le "sette canzoni per sette giorni" del compositore islandese ..

ÓLAFUR ARNALDS

Dyad 1909

(2009 - Erased Tapes)
Una colonna sonora ispirata ai ghiacci perenni è l'ultima anticipazione del secondo disco ..

ÓLAFUR ARNALDS

Variations Of Static

(2008 - Erased Tapes)
Dall'Islanda, un giovane compositore da tenere d'occhio

Ólafur Arnalds on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.