Pantha Du Prince

Black Noise

2010 (Rough Trade) | elettronica, minimal techno

A tre anni esatti dall’acclamato “The Bliss”, torna a circolare il nome di Hendrik Weber nello sterminato firmamento elettronico europeo.
Accantonato per sempre qualsiasi minuscolo richiamo shoegaze e depositate le prime astrazioni electro-noise, il giovane produttore di Amburgo è riuscito finalmente a compiere il passo più importante, ovvero dare un senso techno minimale alla sua fiorente immaginazione. “Black Noise” è il terzo disco dell’ex- rampollo di casa Dial, e conferma l’invidiabile svolta nell’ossatura del suono targato Pantha Du Prince. Non a caso, Weber ha fortemente voluto con sé personaggi del calibro di Tyler Pope (!!!, Lcd Soundsystem) e Noah Lennox (Panda Bear), guest star tutt’altro che di contorno.

Field recondings strappati ai sontuosi pascoli elvetici, anagrammi compositivi di natura detroitiana, bassi campionati come onde calde tessono l’indefinibile tela dell’opera. E’ rumore nero che cerca di trasmigrare disperatamente verso tonalità più accese. E’ un’illusione pulsante e magnetica. Qualcosa di scintillante e torvo.
Il ragazzo comparso dal nulla per dare una scossa alla cosiddetta dancehall intelligente stavolta assume le sembianze di un alieno sceso sul nostro pianeta per coltivare la terra e assaporarne i frutti. E così, l’album è un continuo saliscendi di umori e suoni mutevoli nel tempo. La sola “A Nomads Retreat” poggia su ritmiche divergenti, in un’estasi di battiti craig-style e pause siderurgiche. In “Black Noise” si suda come conigli e ci si sofferma sui particolari più bizzarri (“Abglanz”).

Weber sa anche rallentare e accelerare con eleganza, in un algido collage di rumorini e incitazioni cadenzate. In tal senso, “Bohemian Forest” è tutto uno sfarfallio di cristallizzazioni hebdeniane e giochini al laptop, mentre “Behind The Stars” pompa come una forsennata, collassando come una supernova nel finale. Groove assassino e sinapasi chicagoiane: chapeau.
La circolarità del beat di “Welt Am Dhrat” condita da morbide sventagliate rivela lo spirito nobile del disco, così come lo yoga elettronico di “Im Bann” ne infittisce la trama.

Il rischio è di perdersi in un labirinto di svolazzi elettrici, sample corrosivi e alienazioni assortite. Ma è un azzardo decisamente piacevole.

(17/02/2010)

  • Tracklist
1. Lay in a Shimmer
2. Abglanz
3. The Splendour
4. Stick to My Side
5. A Nomads Retreat
6. Satellite Sniper
7. Behind the Stars
8. European Forest
9. Welt Am Draht
10. Im Bann
11. Es Schneit
Pantha Du Prince & The Bell Laboratory su OndaRock
Recensioni

PANTHA DU PRINCE & THE BELL LABORATORY

Elements Of Light

(2013 - Rough Trade)
Fisica e arte si uniscono nel concept sulla luce di Weber

PANTHA DU PRINCE

This Bliss

(2007 - Dial dialCD 09)
Techno nel senso più classico del termine, ma con un'anima moderna

News
Pantha Du Prince on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.