Paolo Conte

Nelson

2010 (Platinum / Universal) | songwriter

Forte del nuovo contratto Universal, Paolo Conte confeziona l'ennesimo disco-stereotipo (ad appena due anni da "Psiche") all'insegna di vaudeville, onomatopee e prestiti linguistici, che però - nel bene e nel male - riesce a suonare contagioso ne "L'orchestrina", il singolo di lancio (svirgolato da un bandoneon circense-romantico).

A parte nuove elegie pianistiche ("Galosce selvagge" e "Tra le tue braccia"), spente danze latinoamericane che fanno leva su complessino jazz e umore da chansonnier, di certo non una novità assoluta ("Massaggiatrice", "Nina" ed "Enfant Prodige"), e nuove imbarazzanti esperienze elettroniche (persino una pulsazione techno in "C'Est Beau", con diverse brutture di arrangiamento) in qualità di sfacciati riempitivi, Conte prende la rincorsa in "Clown", forse l'ultimo - e più debole - anello dei suoi gioielli melodici (da "Hemingway" a "Gli impermeabili" a "Max"), ma specialmente nelle percussioni macabre di "Sotto la luna bruna", in cui campeggia uno stile fieramente Tom Waits-iano, un paludare canoro in forma di collage di voci in cui si staglia il canto esacerbato.

Disco per chi si accontenta (l'ascoltatore di un'opera con tutte le carte in regola, Conte di un compito diligente che non è nè concept nè disco a tema), è una collezione - con le prime canzoni della sua carriera cantate interamente in inglese (dall'autore stesso, senza coriste come per "Pretend Pretend Pretend" di "Paris Milonga"), "Bodyguard For Myself" e la Louis Armstrong-iana "Sarah" - e di nuovo un suo dipinto di copertina che ritrae il soggetto che dà il titolo all'opera (il suo cane passato a miglior vita due anni or sono), che nei momenti migliori contrappunta in pompa magna, o si compiace con garbo; il "Novecento" o l'"Aguaplano" del nuovo corso. Primo albo dalla scomparsa del produttore storico Renzo Fantini (a cui è dedicato).

 



(20/10/2010)

  • Tracklist
  1. Tra le tue braccia
  2. Jeeves
  3. Enfant Prodige
  4. Clown
  5. Nina
  6. Galosce selvagge
  7. Storia minima
  8. C'Est Beau
  9. Massaggiatrice
  10. Sarah
  11. Sotto la luna bruna
  12. Suonno è tutt'o suonno
  13. Los Amantes Del Mambo
  14. L'orchestrina
  15. Bodyguard For Myself

 

Paolo Conte su OndaRock
Recensioni

PAOLO CONTE

Amazing Game - Instrumental Music

(2016 - Decca)
Prima antologia di strumentali per il bardo di Asti

PAOLO CONTE

Snob

(2014 - Universal)
Il ritorno del gran bardo astigiano, in una nuova generosa collezione di canzoni-cliché

PAOLO CONTE

Psiche

(2008 - Platinum/ Universal)
La conferma del nuovo corso post-"Razmataz"

PAOLO CONTE

Elegia

(2004 - Warner)

PAOLO CONTE

Paolo Conte

(1984 - Cgd)
Prodezze in forma-canzone e ripiegamento introspettivo: lo snodo espressivo del cantautore astigiano

Live Report
Speciali

Paolo Conte on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.