Trent Reznor And Atticus Ross

The Social Network OST

2010 (The Null Corporation) | dark ambient, industrial

Non è la prima volta che Trent Reznor si avvicina al mondo delle colonne sonore per il cinema. Lo aveva già fatto producendo quella del capolavoro di David Lynch "Strade Perdute", nella quale però non aveva potuto esprimere al meglio tutta la sua genialità oscura, dovendo condividere la scena con un maestro del calibro di Angelo Badalamenti, vicino per atmosfere ma non certo per il sound.

 

Stavolta Trent ci ha voluto riflettere bene prima di accettare l'incarico, offertogli dal regista David Fincher, di realizzare le musiche per il suo film sul fenomeno telematico del nuovo millennio. Reznor aveva inizialmente rifiutato l'offerta del regista di "Seven", preferendo concentrarsi sui suoi nuovi progetti dopo la chiusura dell'esperienza Nine Inch Nails. Dopo aver letto il soggetto, però, Trent è tornato sui suoi passi e ha iniziato a ragionare su qualche idea con il regista e con il fidato compare Atticus Ross, ormai a stretto contatto con Mr. Self Distruction da diversi anni.

Il risultato del lavoro della duo Reznor-Ross è questo maestoso ritratto industrial-ambientale, molto vicino come suoni alla precedente collaborazione tra i due, lo strumentale "Ghost I-IV", dal quale sono peraltro tratte due delle diciannove tracce di questo lavoro ("Magnetic", riarrangiamento di "14 Ghost II", e "A Familiar Taste", remix di "35 Ghost IV").

 

Le sonorità, quindi, sono quelle degli ultimi Nine Inch Nails, dal piglio meno hard-rock, ma più rivolto verso lidi ambientali solfurei e dark. Distruzione, atassia, sofferenza, leggiadria e un pizzico di rabbia si alternano nel corso dei 66 minuti del disco. Mescolati con sapienza come solo Trent sa fare.

Dopo "Year Zero", con il quale Reznor ha distrutto il mondo per come lo conosciamo, lo scenario che dipinge quest'opera maestosa è quello di un'ammirazione compiaciuta della vita brulicante che, nonostante tutto, ancora vibra sotto le macerie. Le melodie sono raggelate, serpeggiano in uno scenario apocalittico, ma offrono un certo confortante abbraccio, come battiti di forme vitali che scrutano nascoste nell'oscurità. Reznor e Ross riescono a ottenere l'effetto tanto quando realizzano composizioni più scarne (su tutte "In Motion", tutta beat dance e synth anni 80, eppure ben ancorata nell'immaginario dark del disco, o la conclusiva "Soft Trees Break The Fall"), quanto quando si spingono verso composizioni con orchestrazioni più ariose, come nella straordinaria rilettura in chiave apocalittica di "In The Hall Of The Mountain King" del compositore norvegese Edvard Grieg.

 

La vena violenta di Reznor è man mano scivolata via con il passare degli anni, forse anche per un ritrovato equilibrio interiore (nel disco ne resta traccia solo in "A Familiar Taste", il cui titolo forse presagisce proprio questo fugace ritorno a "gusti" familiari ma ormai passati), ma il nuovo Reznor è ormai un compositore che continua a dimostrare, lavoro dopo lavoro, la grandezza del suo genio in continua evoluzione. Non resta che inchinarsi davanti a sua maestà e gustarsi il film tanto con gli occhi quanto con le orecchie.

 

P.S.: nel disco non è compresa l'attesissima cover di "Creep" dei Radiohead, realizzata da Scala & Koracny Brothers, un coro di duecento ragazze provenienti dal Belgio, e che accompagna il trailer del film.

(10/11/2010)

  • Tracklist
  1. Hand Covers Bruise
  2. In Motion
  3. A Familiar Taste
  4. It Catches Up With You
  5. Intriguing Possibilities
  6. Painted Sun In Abstract
  7. 3:14 Every Night
  8. Pieces Form The Whole
  9. Carbon Prevails
  10. Eventually We Find Our Way
  11. Penetration
  12. In The Hall Of The Mountain King
  13. On We March
  14. Magnetic
  15. Almost Home
  16. Hand Covers Bruise, Reprise
  17. Complication With Optimistic Outcome
  18. The Gentle Hum Of Anxiety
  19. Soft Trees Break The Fall
Trent Reznor & Atticus Ross su OndaRock
Recensioni

TRENT REZNOR & ATTICUS ROSS

Patriots Day

(2017 - Lakeshore)
Quinta, convincente prova per il premiato binomio della soundtrack

TRENT REZNOR & ATTICUS ROSS

The Vietnam War

(2017 - Null Corporation)
Il consolidato binomio della soundtrack per la serie documentaria della PBS

TRENT REZNOR & ATTICUS ROSS, GUSTAVO SANTAOLALLA, MOGWAI

Before The Flood (Music From The Motion Picture)

(2016 - Lakeshore / Invada)
I big della colonna sonora riuniti per il documentario ambientalista di Leo DiCaprio

TRENT REZNOR & ATTICUS ROSS

Gone Girl (Soundtrack From The Motion Picture)

(2014 - Columbia)
Il premiato binomio alla terza colonna sonora per Fincher

TRENT REZNOR & ATTICUS ROSS

The Girl With The Dragon Tattoo

(2011 - The Null Corporation)
Reznor regala tre ore di pulsioni crepuscolari alla nuova opera di Fincher, aspettando il ritorno dei ..

News
Trent Reznor And Atticus Ross on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.