Sightings

City Of Straw

2010 (Brah/ Jagjaguwar) | free industrial-noise

Ritorna il frastuono feroce e angosciante dei Sightings. Così come dimostrato negli ultimi due dischi, la band sa essere sia convulsa che relativamente "razionale" e “City Of Straw” sembra ampiamente confermarlo. Per certi versi, è come se i terribili collassi di "End Times" fossero stati rivisitati in maniera meno avventurosa, pur se di un disco più calcolato (ma anche meno coraggioso) stiamo parlando.

Una fornace noise-industrial ottundente che inizia a offuscare la mente da subito, tra scansioni meccaniche, scariche di rumor bianco e un canto degenerato e tossico (“Tar and Pine”). Tralasciando l’ironia del bassista Richard Hoffman (“… ultimamente, stiamo cercando di scrivere musica pop…”), il suono del trio newyorkese è sempre figlio illegittimo di alcune delle avventure più ostiche e radicali della popular music (Mars, Flying Luttenbachers, Einsturzende Neubauten), come dimostrano numeri claustrofobici quali “Jabber Queens” (tempeste di feedback e rottami metallici che assediano la voce), “Saccharine Traps” (orrenda farneticazione japa-noise) e “Hush” (assordante concerto per stridori assortiti).

La band mostra di perseguire con una certa coerenza la definizione di un’anti-musica post-industriale piuttosto originale, anche se, spesso e volentieri, precipita nel baratro della pretenziosità. Nel recuperare le inquietanti istantanee metropolitane dei Throbbing Gristle (rigurgitandole sotto forma di melma putrida e puzzolente), i Nostri mostrano, infatti, qualche incertezza di troppo (la title track) – incertezza che colpisce anche le loro ipotesi di ballata per un mondo sopravvisuto al disastro (“We All Amplify). Quando, invece, la materia si fa più consistente, virando verso dimensioni più “rock” (l’incubo psicoanaltico di “Weehawken”, ovvero i Crust rifatti dai Wolf Eyes, e la rutilante “Sky Above Mud Below”), le cose assumono parvenze più digeribili e, quasi naturalmente, il gradimento sale.
Ma è, onestamente, troppo poco.

(20/03/2010)

  • Tracklist
1. Tar and Pine
2. Jabber Queens
3. City of Straw
4. Saccharine Traps
5. We All Amplify
6. Weshawken
7. Hush
8. Sky Above Mud Below
Sightings su OndaRock
Recensioni

SIGHTINGS

Amusers And Puzzlers

(2015 - Dais Records)
Esce postumo l'ultimo disco del trio newyorkese, all'insegna di un feroce noise-rock

SIGHTINGS

Terribly Well

(2013 - Dais Records)
Vinile in edizione limitata per il ritorno del trio newyorkese, sempre alle prese con il brivido del ..

SIGHTINGS

Future Accidents

(2011 - Our Mouth)
Ancora un lavoro poco convincente per il trio di Brooklyn

SIGHTINGS

Through The Panama

(2007 - Load)
Un nuovo album che impone un netto cambio di rotta per il trio di Brooklyn

SIGHTINGS

End Times

(2006 - Fusetron)
Il ritorno del trio newyorkese che metterà a dura prova il vostro apparato uditivo.

SIGHTINGS

Arrived In Gold

(2004 - Load Records)

Sightings on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.