Steve Roach

Sigh Of Ages

2010 (Projekt) | ambient

A partire dall'inizio del nuovo millennio, il maestro dell'ambient moderna Steve Roach ha vissuto una vera e propria esplosione creativa che l'ha portato a produrre in media 3-4 album all'anno, nei quali si è sempre dimostrato capace di evolvere la sua formula nelle modalità più svariate. La sua produzione si è da allora divisa fra lavori in esplorazione di nuovi modi di concepire il suo universo sonoro, ricalchi – a volte ottimi ed altre meno – delle tematiche già sperimentate, e flirt con l'arte multimediale – sua ultima grande frontiera ben rappresentata dalla magnifica serie delle "Immersions".

Giunto nel 2010, questo "Sigh Of Ages" si pone in contraddizione totale con quanto detto poco sopra: la sua ricetta non è certo nuova, eppure il suo stile lo rende in grado di non assomigliare a nessuno dei suoi predecessori. Al suo interno vi troviamo il più canonico dei linguaggi elettro-ambientali - quello stesso che Roach aveva avviato in album come “Structures From Silence” e “World's Edge” - affrontato però da una prospettiva del tutto inedita.

Il soundscape è dominato da arpeggi melodici, sui quali s'inseriscono flussi lievi ed acuti: non c'è spazio per la classica magniloquenza del californiano, né per le complesse architetture sintetiche divenute trademark della scena a lui affine. Così “Quelling Place” sembra provenire direttamente dai lavori sperimentali della coppia Jansen/Barbieri, “The View From Here” offre un salto temporale enorme, ripercorrendo i sentieri minimalisti di “Traveler” ed “Empetus”, mentre “Return Of The Majestic” flirta con strutture elettro-esotiche ricordando da vicino Michael Amerlan e il suo “Ascendences”. Nel quarto d'ora di “Sentient Breath” un flusso rarefatto di droni gelidi ricoprono e divorano il sostrato melodico, che se ne libera mostrandosi nella sua purezza nella successiva “Morning Of Ages”, prima di abbandonarsi a rifrazioni e ipnosi nella conclusiva “Longing To Be...”.

“Sigh Of Ages” è un disco del tutto estraneo – per struttura dei brani e stile – alle produzioni del Roach degli anni 2000. E' un caleidoscopio retro', che cammina su quelle strade tralasciate in precedenza dal musicista e che colma un vuoto (di cui probabilmente non ci si sarebbe accorti) con un tasso qualitativo altissimo. E' la riprova, se mai ce ne fosse bisogno, che la ricerca di Roach – nonostante le “batoste” subite negli ultimi anni dalla critica non settoriale – prosegue imperterrita, pronta a regalare ancora gioielli di suggestione a chi gli dedichi attenzioni senza lasciarsi fuorviare dai pregiudizi.

(07/09/2012)

  • Tracklist
  1. Quelling Place
  2. The View From Here
  3. Sentient Breath
  4. Morning Of Ages
  5. Return Of The Majestic
  6. Longing To Be...
Steve Roach su OndaRock
Recensioni

STEVE ROACH

Spiral Revelation

(2016 - Projekt)
Immortali flussi di bellezza nel nuovo album del maestro dell’Arizona

STEVE ROACH

Invisible

(2015 - Timeroom)
Il viaggio nell'oscurità del maestro californiano

STEVE ROACH

Skeleton Keys

(2015 - Projekt)
Il maestro dell'ambient music ritorna al passato e riparte da un set-up interamente analogico

STEVE ROACH

Etheric Imprints

(2015 - Projekt)
Il corriere dell'ambient music firma il suo disco "isolazionista"

STEVE ROACH & KELLY DAVID

The Long Night

(2014 - Projekt)
Primo autografo di Steve Roach sul 2014, per la prima volta al fianco dell'amico Kelly David

STEVE ROACH

Structures From Silence - 30th Anniversary Edition

(2014 - Projekt)
Nuova edizione "expanded & deluxe" di un caposaldo della "space electronic music"

STEVE ROACH

The Delicate Forever

(2014 - Projekt)
Roach festeggia i trent'anni di "Structures From Silence" riassumendo le trame più quiete del ..

STEVE ROACH

The Desert Collection - Volume One

(2014 - Timeroom)
Una raccolta selezionata di classici intramontabili per il sovrano dell'ambient music

STEVE ROACH

At The Edge Of Everything

(2013 - Timeroom)
Roach ripesca una delle sue rarissime performance europee risalente a inizio millennio

STEVE ROACH

Soul Tones

(2013 - Timeroom)
Il ritorno di Steve Roach alla formula pił classica della sua ambient music

STEVE ROACH

Future Flows

(2013 - Projekt)
Ennesimo lavoro di spessore per l'inesauribile re dell'ambient music

STEVE ROACH

Live Transmission

(2013 - Projekt)
La quarta firma di Steve Roach sul 2013 è la registrazione di un live radiofonico

STEVE ROACH

Spiral Meditations

(2013 - Timeroom)
La nostalgia per la Berlin School nelle spirali del maestro californiano

STEVE ROACH

Day Out Of Time (ristampa)

(2012 - Projekt)
Ristampa per il decimo anniversario di quest'opera tra deserto e cielo

STEVE ROACH

Back To Life

(2012 - Projekt)
L'ennesimo, ottimo parto del padre dell'ambient moderna

STEVE ROACH

Dreamtime Return

(1988 - Fortuna)
Il capolavoro del musicista californiano, trattato indissolubile dell'ambient music moderna

Steve Roach on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.