The Chap

Well Done Europe

2010 (Lorecordings) | pop, elettronica

La formazione anglo-tedesca dei The Chap si diverte già da qualche tempo a elaborare quello che potremmo in qualche modo definire un interessante e curiosissimo erasmus dance-pop dall'appeal colto e universitario, nutrito di nuova coralità, indietronica intelligente e un certo qual gusto sbilenco per partiture cameristiche sparpagliate tra tentazioni hip-hop e ritmi soul, che non disdegnano all'occorrenza una geometrizzazione lounge degli ambienti e dei volumi. Il tutto sempre pitturato con tocco leggiadro e svolazzante.

Come poster accatastati nella cameretta di uno studente interconnesso alle inesauribili meraviglie tecnoimmaginarie di una città-mondo informatizzata e multimediale, le sagome sfuggenti di Architecture In Helsinki, Fiery Furnaces, Mum, Stars, Why? e I'm From Barcellona si ritrovano in vario modo amalgamate in una dozzina di motivetti tascabili che dilettano ma incidono meno di quanto, almeno in prima battuta e considerate le premesse, sarebbe poi lecito aspettarsi, configurandosi come piccoli esperimenti di reveries combinatorie, all'insegna per lo più di un agile collagismo di suoni e forme stilistiche che diverte e solletica la fantasia, senza mai conquistare però del tutto (tra le intuizioni più felici segnaliamo senz'altro l'elettro-soul crepuscolare di "Gimme Legs", così come le melodie sfuggenti e genialmente arrangiate di "We Work In Bars", possibile tormentone radiofonico, di "Fain Pan" o di "Torpor").

"Well Done Europe" si restituisce così, pezzo dopo pezzo, alle nostre orecchie, come un piccolo prontuario di illusionismo pop smaliziato o come la playlist di un iPod da safari formativo nei meandri della metropoli musicale post-contemporanea. Bella l'idea in sé, un po' meno durevole il risultato effettivo della stessa.

(04/06/2010)

  • Tracklist
  1. We'll See To Your Breakdown
  2. Even Your Friend
  3. We Work in Bars
  4. Obviously
  5. Gimme Legs
  6. Well Done You
  7. Nevertheless, The Chap
  8. Pain Fan
  9. Torpor
  10. Maroccan Nights
  11. Few Horoscope
  12. Chalet Chalet
The Chap su OndaRock
Recensioni

THE CHAP

We Are Nobody

(2012 - Lo Recordings)
Il fantasioso quartetto paneuropeo abbandona l'ironia, ma solo per scherzo

THE CHAP

Mega Breakfast

(2008 - Lo Recordings)
La "mega-colazione" onnivora della formazione londinese

The Chap on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.