Underworld

Barking

2010 (OM Records) | techno

Per tre anni sono rimasto a pensare a ciò che eravamo, ciò che avevamo passato assieme, agli incontri casuali e ai rimandi al passato. Ho immaginato un nuovo inizio e mille possibili morti, tutto plausibile e tutto drammatico, come sempre quando si parla di noi. Lasciarsi andare via non è mai stata la cosa giusta, far passare mesi e anni distanti in cui siamo diventati più grandi, più vecchi, attraversando bruttezze d'animo e passioni ringiovanenti. Amo ritrovarti, amo sapere che non curandomi di te potrò sorprendermi nel sapere di un tuo ritorno. Rieccoci ancora a scontrarci e a combattere con l'Amore maiuscolo che costruimmo cercando una nuova strada da percorrere assieme.

Ci si contorna di amici comuni per sapere qualcosa di nuovo sui nostri nuovi noi, dove si è andati attraverso l'aiuto di chi ha tenuto a contatto le nostre sorti. Coproduttori, tastiere aggiuntive e backing vocals rimandano a chi negli ultimi tempi è stato sulla cresta tra pubblico e addetti a lavori, "Always Loved a Film" si avvale del producer house Mark Knight - già alla cronache con il compare Funkagenda per il mostruoso take su "The Man With The Red Face" di Garnier - e va a scavare alla ricerca dell'anthem da club, le ritmiche che serrano il classico quattro progressive house con tanto di clap e uso massiccio di piatti, Hyde che costruisce la propria enfasi entrando e uscendo da loop vocali, bassi pari e stringhe percussive a sottolineare ogni ingigantimento del suono, fino a farti apparire la parolina "deadmau5" lontana ma riconoscibile. E allora raccontamela ancora la progressive con questo piglio da Underworld di un tempo, invincibili creatori di cavalcate epiche, raccontamela quanto vorrai.

C'è un aggiornamento del codice per dirci che c'è ancora spazio per piacerci, per raccontarci di storie con altri che non ci hanno mai dato quanto abbiamo dato assieme e siamo - forse, speriamo, crediamoci - a non dover più dimostrare alcunché, dopo aver lasciato in eredità pagine di sangue e sorrisi, ci sono solo momenti in cui possiamo fare ciò che altri fanno con lo stile in cui sappiamo fare noi quelle cose, riprendere i break drum'n'bass in "Scribble" e fare il verso a tutti quelli che vorrebbero avere la levità che abbiamo nell'affondare in pad chilometrici, arpeggiatori a gas aperto, spezzati classici e tutto il corollario inventato in decenni di giungla metropolitana, guardando dalla nostra sedia al bar chi troppo seriamente cerca di affrontare la serietà.

Mi domando quanti viaggi in auto con il finestrino abbassato abbia affrontato ascoltandoti, quanti chilometri verso feste, appuntamenti, lezioni all'università o alle superiori o solo vuoti cosmici in cui nulla c'era se non la compagnia fidata di chi ha parlato da sempre la mia lingua e ora che la stanchezza di inseguire Ep reali o digitali, remix ufficiali o non richiesti, hype machine e beatport mi ha fatto mettere da parte le cuffie, ritorni raccontandomi che anche tu non hai più l'esigenza di stupire ma di affrontare le cose con semplicità e quella schiettezza che da sempre ti caratterizzava anche quando l'affare si faceva più sottilmente intellettuale. Passiamo assieme all'aiuto di Van Dyk in "Diamond Jigsaw" a canticchiarcela con l'andamento trance ma con la chitarra indierock sotto il pelo dell'acqua e guardatevi come siete ridicoli con i vostri pantaloni stretti, ci facciamo una camminata sui bordi dello UK garage in auto con Appleblim su "Amburg Hotel" e dondoliamoci su quella strana intonazione di "Louisiana".

Toccherei il cielo con le dita se ritornassimo indietro a fare le cose che abbiamo fatto ma la vita è ora, non si può fare altro che prendere quello che c'è e finalmente dopo tanto sperare c'è qualcosa di solido nuovamente, che mi riempie ma che non mi satura. E allora rimango felice con il dubbio:
"and I don't know if I love you more
than the way you used to love me
and I don't know if i need you more
than the way you used to need me but it's
heaven heaven heaven heaven" ("Always Loved a Film")

(20/09/2010)

  • Tracklist
  1. Bird 1
  2. Always Loved a Film
  3. Scribble
  4. Hamburg Hotel
  5. Grace
  6. Between Star
  7. Diamond Jigsaw
  8. Moon In Water
  9. Louisiana 

 

Underworld su OndaRock
Recensioni

UNDERWORLD

Barbara Barbara, We Face A Shining Future

(2016 - Caroline / Universal)
L'ispirato ritorno di uno dei progetti storici della scena elettronica contemporanea

UNDERWORLD

1992-2012 - The Anthology

(2012 - underworldlive.com / Cooking Vinyl)
La monumentale tripla antologia che condensa vent'anni di storia della techno

UNDERWORLD

Oblivion With Bells

(2007 - Pias)
Un nuovo capitolo per lo storico progetto techno di Karl Hyde



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.