Black Lips

Arabia Mountain

2011 (Vice) | garage revival, alt-rock, alt-pop

I diavoli del nu-new-garage, i Black Lips, ritornano con "Arabia Mountain", per testare diverse cose: dapprima la tenuta interna della band nella progressiva transizione all'easy listening; quindi la tenuta del formato disco breve (che scimmiotta sia i primi long playing che i primi 45 giri) nell'era dei dispositivi digitali, e - dulcis in fundo - la tenuta dei fan alle loro insistite olografie passatiste.

Il nuovo diligente riassuntino spazia, senza nessuna innovazione ma con molta scioltezza, da frat-rock Yardbirds-iani come "Family Tree" e "Mad Dog", a ballate jingle-jangle, a trance con effetti sonori ("Mr. River", forse la migliore della prima parte) e una ridiscesa alle radici dei Ramones ("Raw Meat").
Qualcosa di appena più intrigante emerge seguitando con lo scorrere dei pezzi: "The Lie", cantato zombie su mesto sottofondo folk-rock, "New Direction", shuffle più rinforzato rispetto alle prime canzoni, "Noc-A-Homa" e "Don't Mess Up My Baby", rivisitazioni più convinte del tam-tam della "Wild Thing" dei Troggs, "Time", merseybeat demenziale, la fatua psichedelia noir di "You Keep On Running" e soprattutto il surf-pop a perdifiato alla Trashmen di "Go Out And Get It", l'apice melodico.

Sei anni dopo "Let It Boom" (come quello sedici tracce brevi), del quale "Arabia Mountain" è la versione bonacciona e più calcolata sul fronte revivalista, i Black Lips ritornano sulla scena del crimine e - di fatto - proseguono con coerenza, consci della reazione melodica seguita alle prime abrasioni del garage-rock dei 60. Ha una seconda parte simpatica, scaltra, dalle canzoni più indovinate, e una prima ovattata in un citazionismo quasi didascalico. Diviso anche nella realizzazione: dapprima a Brooklyn, poi ad Atlanta; "Bicentannial Man" e "Go Out And Get It" sono prodotte da Mr Lotus Plaza, Lockett Pundt.


(22/08/2011)

  • Tracklist
  1. Family Tree
  2. Modern Art
  3. Spidey's Curse
  4. Mad Dog
  5. Mr River
  6. Bicentennial Man
  7. Go Out And Get It
  8. Raw Meat
  9. Bone Marrow
  10. The Lie
  11. Time
  12. Dumpster Dive
  13. New Direction
  14. Noc-A-Homa
  15. Don't Mess Up My Baby
  16. You Keep On Running
Black Lips su OndaRock
Recensioni

BLACK LIPS

Underneath The Rainbow

(2014 - Vice)
La quasi compiuta normalizzazione degli alfieri del garage nel loro album più sudista

BLACK LIPS

200 Million Thousand

(2009 - Vice)
Scanzonati e selvaggi, tornano gli alfieri del garage-revival

BLACK LIPS

Los Valientes Del Mondo Nuevo

(2007 - Vice)
La band di Atlanta nel live più incendiario degli ultimi anni

BLACK LIPS

Good Bad Not Evil

(2007 - Vice)
Dopo l'apoteosi live, nuovo disco per i garage-rocker di Atlanta

News
Live Report
Black Lips on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.