Chris Watson

El Tren Fantasma

2011 (Touch) | trip recordings

Per Chris Watson vale la stessa regola utilizzata a suo tempo per Maurizio Bianchi: servirebbero molte parole e pagine per descrivere e raccontare l'estesa produzione musicale. In principio - come membro co-fondatore - fa parte dei Cabaret Voltaire, poi con gli Halfer Trio ed infine tutto in solitario. Figlio di quell'importante scena musicale inglese anni Settanta - che trova sfogo nella città di Sheffield (Human League, Clock DVA, Hula, etc) - riuscirà, poiché dotato di spiccata genialità, a prevalere su altri artisti. Oggi si può considerare, probabilmente, come una delle figure di riferimento per tutti quei neo artisti che intendono intraprendere e percorrere la cosiddetta non music e, più nel dettaglio, i field recordings.

"El Tren Fantasma" è un album pubblicato dalla storica etichetta Touch, e in sintesi si può definire come un minuzioso racconto - sonoro e non solo - di un viaggio in treno attraverso lo stato del Messico. Le registrazioni provenienti dalle cabine, i rumori degli scambi sui binari, i suoni d'interventi di manutenzione, le ganasce dei freni che premono sulle ruote metalliche e le note scandite dai passaggi a livello, rendono a tutti gli effetti reale quest'affascinante e misterioso mezzo di locomozione.
Possiamo anche dire: "OK! I soliti field recordings"; e perciò la recensione teoricamente potrebbe anche finire qui ed in questa maniera. Ovviamente si scherza: è impossibile non accorgersi che in questo disco sono nascosti molteplici spunti, intriganti, enigmatici e tetri.

Cominciamo dal titolo dell'album: piuttosto che chiamarlo "El Tren Fantasma" (Il Treno Fantasma), forse è più appropriato definirlo come il treno dei fantasmi. Non tutti possono occupare un posto in carrozza. Questo permesso di salire è consentito solamente: agli spettri, quelle entità eteree che vagano sperdute fra il terreno e l'ultraterreno nell'attesa di ricevere finalmente un giudizio divino; ma anche a quelle persone che hanno la sensazione di sentirsi smarrite. Persone peccatrici e disperate; individui che hanno scelto il binario sbagliato o vittime di un deragliamento; uomini in cerca di risposte che siano in grado di soddisfarli, almeno nello spirito. Un percorso ferroviario lungo un'ora o poco più, e senza fermate intermedie. Due sole stazioni: quella di carico o di partenza (Los Mochis) - vedi copertina - può essere intesa come l'ultima porta d'uscita dalle tenebre e dai misteri; e una di scarico o d'arrivo (Veracruz). Questo capolinea rappresenta il luogo dove è possibile svincolarsi e redimersi da ogni forma di peccato.

Lo speaker - comunicando l'ultima chiamata per il ghost train - avverte e invita i viaggiatori ad accomodarsi in cabina; cavernosi noise accompagnano il lieve movimento del locomotore e l'uscita del treno da quel girone, profondo, oscuro e diabolico ("La Anunciante"). I primi segnali di luce si fanno sempre più frequenti. Il treno accelera la sua corsa provocando lunghe e incandescenti scintille di fuoco e acuti rumori, creati dallo sfregamento fra i diversi metalli costituenti e le rotaie e binari, creando così involontariamente atmosfere industrial e dark ambient ("El Divisadero", Mexico D.F.").
Non esiste un orario d'arrivo, infatti, il macchinista ad un certo punto sembra farlo rallentare ("Crucero La Joya", "Chihuahua"): per tutti quelli che si sentono ancora inquieti e timorosi, bene, questa è l'ultima occasione per saltare giù e riprovarci la prossima volta.

Intanto, il vacante treno di ritorno, sfrecciando parallelamente ed in senso inverso, all'improvviso - con un potere detonante di mille megatoni - squarcia il silenzio che regna fra i sempre più ansiosi e impauriti viaggiatori ("Aguascalientes"). Siamo ormai quasi giunti all'arrivo. Un ultimo rallentamento nell'attesa di ottenere tutti i permessi d'ingresso, qualcuno riesce anche ad aprire un finestrino, e subito si è avvolti da eterei suoni ambientali e sentori floreali ("El Tajin").
Il treno è arrivato a destinazione nella irreale cittadina di "Veracruz"; che per una banale curiosità - scomponendo la parola (ver_a_cruz) e parafrasando dallo spagnolo - si può anche intendere come: vedere la croce?

L'atmosfera è solenne. Ora si è pronti per porre le domande e per essere giudicati. Contrariamente alla trama del racconto di Clive Barker - e del relativo film di Ryuhei Kitamura - intitolato "Midnight Meat Train", dove i passeggeri del treno sono portati al cospetto del demonio per essere letteralmente mangiati, nel "El Tren Fantasma", invece, il viaggio di questi individui è verso la salvezza e il divino.
Il treno dei fantasmi - prendendo spunto dal quadro di Michelangelo sito nella Cappella Sistina - è come la barca di Caronte: il mezzo giusto per traghettare le anime perse e dannate verso dimensioni sconosciute e sovrannaturali.

(22/12/2011)

  • Tracklist
  1. La Anunciante
  2. Los Mochis
  3. Sierra Tarahumara
  4. El Divisadero
  5. Crucero La Joya
  6. Chihuahua
  7. Aguascalientes
  8. Mexico D.F.
  9. El Tajin
  10. Veracruz
Chris Watson su OndaRock
Recensioni

CHRIS WATSON

In St Cuthbert’s Time: The Sounds Of Lindisfarne And The Gospels

(2013 - Touch)
635 d.C.: l'immaginario sonoro dell'isola di Lindisfarne

Chris Watson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.