Faust

Something Dirty

2011 (Bureau B) | kraut-rock

Con una line-up perennemente cangiante (o meglio estemporanea), e per la prima volta con una voce femminile (la londinese Geraldina Swayne, già artista multimediale, anche multistrumentista), l'ormai fittizia sigla Faust ritorna, neanche due anni dopo "C'Est Com Com Compliquè", con "Something Dirty". Tutto sulle spalle di "Zappi" Diermaier (il batterista che è l'unico ricordo del gruppo storico). Un rock 'n' roll industriale più o meno dilatato che è in realtà una raccolta di triviali deja vu (i tardi Pink Floyd di "Lost The Signal") da parte di imitatori poco capaci. Eccezioni: i brevissimi elettroshock di "Whet" e "Pythagoras", e la sarabanda percussiva della title track.

 

(02/02/2011)

  • Tracklist
  1. Tell The Bitch To Go Home
  2. Herbststimmung
  3. Something Dirty
  4. Thoughts Of The Dead
  5. Lost The Signal
  6. Je Bouffe
  7. Whet
  8. Invisible Mending
  9. Dampfauslass 1
  10. Dampfauslass 2
  11. Pythagoras
  12. Save The Last One
  13. La Sole Dorée
Faust su OndaRock
Recensioni

FAUST

Fresh Air

(2017 - Bureau B)
Aria fresca e tragedie nel ritorno degli eroi iconolastici del kraut-rock

FAUST

C’est Com... Com... Complique

(2009 - Bureau B)
Jean Hervè Peron, in preda a una bulimia compositiva galoppante, mostra il nuovo volto degli storici ..

FAUST

Faust

(1971 - polydor)
La prodezza kraut-rock dell'inafferrabile band tedesca

Live Report
Speciali




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.