Fennesz

Seven Stars

2011 (Touch) | electro-acoustic, ambient

Christian Fennesz negli ultimi anni ha dosato accuratamente le sue release. Prima nel novembre 2008 "Black Sea", quindi la magnifica collaborazione con Buck e Daniell e lo split con Antony. Ci si aspettava forse un nuovo Lp, e invece l'austriaco ha deciso di rilasciare  un 10'' per la storica Touch.
In realtà, vista la durata - ci si aggira sui venticinque minuti - potremmo parlare proprio di un mini-album, la cui bellezza consacra ulteriormente la fama del musicista di Vienna.

La stella dell'austriaco brilla qui prepotente ancora una volta, elevandolo ormai di fatto a maestro indiscusso di quella generazione di autori degli ultimi vent'anni che scavallano i confini invisibili tra ambient, elettronica e drone. Fennesz in questo senso ne è peculiarissima declinazione, grazie alla naturalità del suono che riesce a cavar fuori dalla sua chitarra elettrica. E di volta in volta - il glitch e i fields nella prima parte della sua carriera, le chitarre droniche poi - aggiunge elementi nuovi, in questo caso la batteria.

La title track, "Seven Stars", fonde il suo personalissimo gusto per la ricerca elettronica, qui fluttuante e subacquea, con una batteria leggerissima, che porta alla memoria sia certi tepori folktronici che sonorità della benemerita (e defunta) Resonant. E se "July" è il silenzio rumoroso dopo la deflagrazione, "Liminal" rappresenta il sunto dell'attuale Fennesz: chitarra spastica in vista, grumosi viavai di materia nebulosa in dispersione e fascinazioni di universi lontani.
"Shift" e la reprise "Reshift" giocano una carta sempre tenuta nascosta dal musicista: il dark. Le fascinazioni ombrose di certo dark-ambient molto tenebroso, funebre e austero nella sua epicità - alla maniera dei Troum - svelano qui paesaggi sospesi e scurissimi.

A conti fatti, Fennesz riesce ancora una volta a rendere peculiare una materia scandagliata in tutti i suoi aspetti, aggiungendoci quel quid che rende così speciale questo "Seven Stars": il cuore.

(30/07/2011)



  • Tracklist
  1. Liminal
  2. July
  3. Shift
  4. Seven Stars
  5. ReShift
Fennesz su OndaRock
Recensioni

FENNESZ

Agora

(2019 - Touch)
Dopo cinque anni il capostipite austriaco dell'ambient torna a offrire un saggio delle sue intense affrescature ..

FENNESZ

Bécs

(2014 - Editions Mego)
A sei anni dall'oscuro "Black Sea", il mago austriaco torna coniando il suo vero "disco pop"

FENNESZ

AUN - The Beginning And The End Of All Things

(2012 - Ash / Touch)
La definitiva conversione all'ambient del compositore austriaco

FENNESZ

Black Sea

(2008 - Touch)
Il ritorno del compositore austriaco ne segna la transizione verso una ambient-music elettroacustica ..

FENNESZ

Venice

(2004 - Touch)

FENNESZ

Endless Summer

(2001 - Mego)
La svolta dell'austriaco, capostipite dell'intera generazione glitch

News
Live Report
Fennesz on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.