Frozen Autumn

Chirality

2011 (Calembour Records) | dark, electro-wave

A circa sei anni di distanza dall'ultimo Lp "Is Anybody There?" e poco dopo l'interlocutorio "Rallentears" del 2010, pubblicato unicamente in vinile, si riaffacciano finalmente i Frozen Autumn di Diego Merletto e Froxeanne.

"Chirality" è il desiderio di affermare nuovamente la propria identità e il proprio percorso, non tradendo niente di quanto successo finora, ma mostrando una vitalità creativa mai addormentatasi.
Uscito per la nuova etichetta Calembour, di proprietà di Froxeanne, il nuovo lavoro mostra una riconferma dello stile tipico del duo, con il suo timbro malinconico e introspettivo, ma seducente.
I ritmi dark ed electro-wave si sono spostati su un'elaborazione personale ormai lontana da riferimenti classici quali Depeche Mode o Clan Of Xymox. Composizioni quali l'iniziale "Before The Storm" e la title track evidenziano tutto questo, mostrando una fotografia cupa e monocromatica, possente ma fragile e vitrea, che riesce a ergersi in lamenti spirituali rabbiosi e disincantati tra le trame epilettiche dei sintetizzatori e delle drum machine.

La coerenza formale al proprio tragitto artistico, che troviamo qui, è però un semplice artificio superficiale che vuole trascendere in qualche cosa di nuovo. Non radicalmente nuovo. Anzi sotterraneo e sfuggente, nascosto dietro le ombre di cui si nutre il disco. È un'illusione ottica, un gemello differente che riesce a staccarsi e innovarsi pur rimanendo identico al passato. Un doppio chirale, appunto.
Tra le pieghe dei synth troviamo una rielaborazione nuova e più fresca, molto meno monolitica e aperta a ritmiche più dancey. Basti prendere ad esempio ideale "The Exile", in cui un minimalismo marziale e spaziale fa da base per la voce calda e trasognata di Diego. Anche la seguente "Victory" riesce nell'intento, grazie alla voce incisiva di Froxeanne e al suo gusto decisamente 80's.
Non dimentichiamo, infine, i brani del precedente Ep qui assimilati e inseriti a formare la nuova, giovane, pelle del gruppo.

Nonostante ci si trovi di fronte probabilmente a una fase di passaggio, non possiamo che essere soddisfatti del ritorno di un gruppo capace di mostrare un romanticismo decadente, non stereotipato e ipocrita, e percorso da una insana, intrigante, pulsione muscolare.

(01/02/2012)

  • Tracklist
  1. Before The Storm
  2. Sidereal Solitude
  3. Chirality
  4. Breathtaking Beauty

  5. So Brave

  6. The Exile
  7. Victory
  8. Rallentears
  9. In The Golden Air

  10. The Last Train
Frozen Autumn su OndaRock
Recensioni

FROZEN AUTUMN

Rallentears

(2011 - Calembour)
Il ritorno, a cinque anni di dastanza da "Is Anybody There?", del duo cold-wave italiano

Frozen Autumn on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.