Haxan Cloak

Haxan Cloak

2011 (Aurora Borealis) | avantgarde, drone

Il britannico - ma dai chiari lineamenti slavi - Bobby Krlic è un artista "fai da te": di quelli che solitamente sono chiamati one man band. Suona, infatti, il violino, il violoncello, le percussioni e tutta l'elettronica disponibile e necessaria per le sue composizioni musicali, per lo più di matrice noise, ambient e soprattutto drone.

Sono bastati alcuni sporadici mp3 e qualche pubblicazione di Ep, per mostrare a tutti le sue capacità; e tutto nel breve arco di tempo di un anno e mezzo. Bobby Krlic, alias Haxan Cloak, dunque si toglie definitivamente di dosso il pesante mantello dell'anonimato, giocandosi bene le sue carte con il suo album di debutto. È l'etichetta britannica Aurora Borealis a scovare per prima l'artista pubblicando il full lenght "The Haxan Cloak" attraverso un doppio formato: digipack e vinile.

 

A un primo ascolto, giusto per prendere contatto con il disco, viene subito l'accostamento a "Factory Rituals" degli Autopsia, però con l'aggiunta dei violini. Altri probabili riferimenti giungono subito dopo: Hermann Kopp per le oscure e avanguardistiche note di violino, Gultskra Artikler per gli impercettibili classicismi di violoncello, gli Zoviet France per una sorta di atmosfera eterea e infine gli Autopsia e i Cranioclast per le forti influenze post-industrial. Da un buon uso dell'ampia strumentazione a disposizione e di solide basi droniche, risulta un album alienante e oscuro, che lascia molto spazio all'immaginazione.
Proveremo, infatti, ad analizzare le singole tracce, dopo di che, come in una sorta di riassunto, assoceremo a ciascun brano titoli di un film o di un libro, sperando così in una più facile comprensione.

 

Il disco si apre con "Raven's Lament": un corteo funebre scandito da dannati rintocchi marziali e drammatiche corde di violino, infarcito qua e là da rumori metallici di triangoli, che conferiscono alla composizione quel tocco di macabro; uno scenario di questo tipo non può che essere associato a "Il Silenzio Degli Innocenti".

Segue "An Archaic Device": qui i suoni di violino si fanno prolungati e tetri, mentre una corposa base di droni trasmette inquietudine e ansia come se si percepisse l'approssimarsi di un tragico evento: "Il Terrore Viene Dall'Oltretomba".

Fluttuanti barriere droniche, graffianti e lignei noise che si alternano a rumori metallici di chiodi e martelli sono le fondamenta di "Burning Torches Of Despair". Il senso che trasmette questo brano è di come trovarsi all'interno di un galeone settecentesco in un mare in burrasca: vale a dire "Le Avventure Di Gordon Pym".

Discordanti e glaciali violini, vaste praterie di droni a bassa frequenza - la copertina lo testimonia - sono il sostegno per "Disorder": un viaggio verso l'ignoto all'interno del più lontano black hole dell'universo conosciuto; ovvero il "Punto Di Non Ritorno".

"Fuga Dall'Inferno" è l'ideale riassunto per "The Fall". In questo brano si percepisce un'atmosfera ovattata che, circondata da echi e voci celestiali miste a infernali droni, apre l'ingresso per una totale trance ipnotica.

Ciclici e stratificati noise di macchinari, flebili note di violoncello, rullate tribali intrise di sonorità post-rock conferiscono invece a "The Growing" sensazioni da imminente catastrofe atomica mondiale: quel che si direbbe "The Day After" o "L'Alba Del Giorno Dopo".

I film "Lost Souls" e "L'esorcista" sono gli accostamenti per le due tracce finali: "In Memoriam" e "Parting Chant". In entrambe sono forti le presenze di sonorità post-industriali: in altre parole meccaniche note - droni - di chiaro taglio esoterico, che assieme ad armonie profonde e dannate derivate dal solito disturbante violino, suscitano sensazioni diaboliche e spettrali.

 

Quest'album potrà essere definito dannato, demoniaco e lugubre. Riferimenti quali Autopsia, Hermann Kopp, Zoviet France, Cranioclast e Gultskra Artikler sono sicuramente importanti; e perciò "The Haxan Cloak" si merita di diritto quantomeno un ascolto integrale. E se dopo si è colti da panico e terrore significa che è piaciuto; quindi, se nei successivi ascolti si vogliono evitare ulteriori traumi celebrali, sono consigliate divagazioni quali la lettura del Malleus Maleficarum o la compagnia di un gatto nero di nome Plutone.

 

Raven's Lament

(01/10/2011)

  • Tracklist
  1. Raven's Lament
  2. An Archaic Device
  3. Burning Torches Of Despair
  4. Disorder
  5. The Fall
  6. The Growing
  7. In Memoriam
  8. Parting Chant
Haxan Cloak su OndaRock
Recensioni

HAXAN CLOAK

Excavation

(2013 - Tri Angle)
Le "strade perdute" della seconda noir-opera di Haxan Cloak

Haxan Cloak on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.