Hercules & Love Affair

Blue Songs

2011 (Moshi Moshi) | electro, house

Attendevamo al varco Andrew Butler con una certa ansia. Inutile girarci intorno o far finta di nulla, l'omonimo disco d'esordio dei suoi Hercules & Love Affair fu un vero e proprio raggio di sole nel cuore delle algide notti newyorkesi, roba da far girare la testa e al contempo muovere le terga, ma soprattutto tanta sostanza electro-house come non si sentiva da eoni. Fu senza dubbio una delle migliori uscite del 2008, accolta con lode da gran parte della critica. Un susseguirsi di singoli devastanti, a partire dal tormentone "Blind" fino ad arrivare alla balearic-disco di "Athene", che miete ancora vittime, recando entusiasmo dalla prima all'ultima traccia: queer-culture alla riscossa, l'esperienza acquisita nei warehouse party, nei leather bar e un inchino a una platea eccitata a colpi di cassa, funky di primissima scelta, borchie e featuring eccellenti. Insomma, un disco difficile da dimenticare.

Nei tre anni successivi a quell'autentico piccolo miracolo, s'è tanto parlato di Butler, della sua amichetta Kim Ann Foxman e della sua simpatica combriccola aperta a qualsiasi nuova esperienza. Automaticamente, l'aspettativa inferta alle qui presenti undici "Blue Songs" non poteva che confondere le idee in caso di mancata conferma della grazia palesata in principio. Allo stesso tempo, il rischio che la formula magica svanisse nel nulla pareva distante. Va inoltre precisato che l'esperto disc-jockey è un tipetto inquieto, uno di quei produttori a cui piace cambiare continuamente le carte in gioco. Tuttavia l'attrazione per l'estetica musicale dei mitici club newyorkesi (Studio 54 e derivati) ha continuato ad assumere in questi anni connotati preoccupanti, al punto da inchiodare il buon Andrew in un immaginario eccessivamente irto di richiami retrò e pulsazioni vintage spesso inconcludenti, inducendolo a smarrire una certa ispirazione nella diversificazione delle melodie, del groove. Cosi, il richiamo nostalgico alla primissima house ha finito con l'offuscare l'intera faccenda. Nel complesso, in queste canzoni blue manca quasi sempre l'incastro vincente, il ritmo giusto.

Per l'occasione Butler non s'è fatto ugualmente mancare nulla, ingaggiando la vocalist Aerea Negrot e Sean Wright, un fan della prima ora diventato poi collaboratore del "gruppo". Ma sopra ogni cosa è la presenza di Kele Okereke, vocalist e leader dei Bloc Party, a incutere curiosità e a far sì che nasca l'inevitabile parallelo con il tanto amato Antony Hegarty di "Blind", in un confronto resettato fin dai primi sussulti di "Visitor", sorta di disco-music mutante che strizza l'occhio ai suoni cibernetici in voga nella Grande Mela nei tardi seventies."Blue Songs" è un album concepito per il club, per la pista più modaiola. E si sente in ogni sua scossa.
A rievocare comunque i fasti dell'esordio sono solo l'introduttiva "Painted Eyes", proseguo afflosciato della già citata "Blind" con una sezione d'archi oltremodo magnetica, e l'ammaliante "Leonora", altra probabile b-side dell'omonimo esordio. Per il resto, a tentare di sedurre l'anima sono il ritmo incalzante in scia Owens di "My House" e la ballad lunare "Boy Blue", modello Sylvian (!). Tutto quello che segue è una manciata di contorsioni disco talvolta insipide e prive di mordente. Qualcosa di inaspettato e babelico.
Provaci ancora, Andrew.

(17/02/2011)

  • Tracklist
  1. Painted Eyes
  2. My House
  3. Answers Come in Dreams
  4. Leonora
  5. Boy Blue
  6. Blue Songs
  7. Falling
  8. I Can't Wait
  9. Step Up
  10. Visitor
  11. It's Alright
Hercules & Love Affair su OndaRock
Recensioni

HERCULES & LOVE AFFAIR

Omnion

(2017 - Atlantic)
Il carrozzone mitologico riprende quota e ispirazione, tra furie sintetiche, introspezioni e bombe di ..

HERCULES & LOVE AFFAIR

The Feast Of The Broken Heart

(2014 - Moshi Moshi)
Sottotono la terza fatica del combo nu-disco

HERCULES AND LOVE AFFAIR

Hercules And Love Affair

(2008 - Dfa)
La Dfa connection apre un nuovo capitolo, e il suono si fa più "disco"

Hercules & Love Affair on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.