Jenny Hval

Viscera

2011 (Rune Grammofon) | dream-folk

A distanza di circa un anno dall'uscita dello splendido esordio di Susanne Sundfør, un'altra fanciulla norvegese fa parlare di sé. In “Viscera” Jenny Hval (ventenne nata e residente a Oslo) riunisce le sue esperienze passate, segnando il primo album a proprio nome con un'intensità straordinaria.
Dopo due prove non certo banali con il progetto Rockettothesky (“To Sing You Apple Trees” nel 2006 e “Medea” nel 2008), a metà fra folk crepuscolare e sperimentazione umbratile, la giovane nordica ha anche collaborato con la più quotata connazionale Susanna Wallumrød meglio conosciuta con lo pseudonimo Susanna and the Magical Orchestra.

Le nove composizioni qui raccolte si distinguono per la loro formula di folk semplice e strutturalmente essenziale, la voce è elemento preponderante e splende in tutta la sua magnificenza, con cromature variegate e purissime. Le uniche divagazioni dagli accordi di chitarra sono esili arrangiamenti elettronici in sottofondo e alcune percussioni delicate, peraltro del tutto accessorie, a differenza dei ritmi pulsanti della Sundfør. Non si percepisce una coltre di asfissiante malinconia o di perdizione nebbiosa, i sentimenti più ricorrenti in questo disco sono la sconfinata pace che può evocare un orizzonte freddo e nevoso, oltre alla sostanziale serenità celestiale che la voce cristallina della Hval evoca con le sue note limpide. La lunghezza dei brani - quasi sempre sopra i sei minuti - permette loro di svilupparsi gradualmente, fino a raggiungere la perfezione in “This Is A Thirst”.

Non c'è un elemento distintivo che riesca a far risaltare in maniera decisiva una o l'altra canzone, la sensazione che danno le nove tracce ascoltate in una sola tornata è quella di avere di fronte un unicum difficilmente scindibile. Il meglio di “Viscera” si scopre nei suoi particolari, nei piccoli interstizi che giacciono fra le maglie di un suono irriconoscibile (la melodia di “Portrait Of The Young Girl As An Artist”), la seduzione sciamanica di “Blood Flight” o gli impalpabili intrecci di note nella ballata pastorale “Golden Locks”.

Capace di sfuggire dai target con prepotenza silenziosa, Jenny Hval ha messo insieme un album emozionante, realizzato con il cuore e tale da far distinguere nettamente l'immagine di un'artista baciata da un'ispirazione di rara ricercatezza.

 

 

Commenta il disco sul forum

(10/07/2011)



  • Tracklist
  1. Engines In The City
  2. Blood Flight
  3. Portrait Of The Young Girl As An Artist
  4. How Gentle
  5. A Silver Fox
  6. Golden Locks
  7. This Is A Thirst 
  8. Milk Of Marrow
  9. Black Morning / Viscera
Jenny Hval su OndaRock
Recensioni

JENNY HVAL

The Long Sleep Ep

(2018 - Sacred Bones)
Una breve ma graduale immersione nel subconscio onirico della sperimentatrice norvegese

JENNY HVAL

Blood Bitch

(2016 - Sacred Bones)
Il più astratto e torbido scenario partorito dalla sperimentatrice norvegese

JENNY HVAL

Apocalypse, Girl

(2015 - Sacred Bones)
L'indagine personale dell'artista norvegese giunge a un punto critico

JENNY HVAL & SUSANNA

Meshes Of Voice

(2014 - SusannaSound)
Il sodalizio dei due talenti femminili norvegesi esplora nuove visioni nell'oscurità

JENNY HVAL

Innocence Is Kinky

(2013 - Rune Grammofon)
Nuovi incubi e autoanalisi per la coraggiosa solista norvegese

JENNY HVAL & HåVARD VOLDEN

Nude On Sand

(2012 - Sofa)
L'allucinazione neo-bucolica di un duo solipsistico

Jenny Hval on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.