Inade

Antimimon Pneumatos

2011 (Loki Foundation) | dark-ambient

A corollario di un ventennio glorioso in cui gli Inade hanno di fatto raccolto l'eredità del dio del dark-ambient Brian Williams, e quindi Lustmord, per imporsi come punto di riferimento della scena mondiale sia come gruppo musicale che come etichetta discografica, esce questo box in edizione limitata a 300 copie numerate a mano che include digipack, t-shirt, e 3 cartoncini illustrati.

Gli Inade sono la creatura principale di René Lehmann & Knut Enderlein, fondatori dell'etichetta Loki Foundation, band che incarna il volto ermetico-mitologico dei due tedeschi, i quali in parallelo hanno numerosi progetti, tra i quali spicca senz'altro quello comune e più intransigente, chiamato "Ex.Order", mentre Knut fa parte della creatura downtempo/ambient Fjernlys, insieme ai meno noti Johannes Riedel (della band Circular, sempre sotto contratto alla Loki) e CKS.
Attraverso gli anni gli Inade hanno profondamente evoluto il loro sound passando da un ambient/industrial incentrato sullo spazio profondo di cui "Colliding Dimensions" è stato l'apice assoluto sia da un punto di vista musicale che grafico, fino a una visione  molto più personale della musica dark-ambient.

L'album in questione raccoglie i momenti culminanti dei principali concerti tenuti dalla band a cavallo tra il 2009 e il 2010 a Parigi, Mosca, Turku in FInlandia, Lipsia e Wuppertal in Germania. Qui trovano spazio quelle che con ogni probabilità costituiranno l'embrione della futura e probabilmente prossima, vista la notevole prolificità, uscita del duo tedesco.
Su tutte spiccano senz'altro la opener "Trascendent Absolute", che ci trasporta senza ulteriori indugi in un'atmosfera arcana che richiama i lavori dei connazionali Herbst9, "Conquer Time", in cui tamburi di guerra si alternano a droni oscuri e voci minacciose e cadenzate, e infine "The Memorizated Magnified", venata anche qui da lenti e inesorabili toni ripetuti quasi come moti di rivoluzione, intorno ai centri di massa planetari, ed echi che ci proiettano nello spazio oscuro e solenne.

A spezzare queste atmosfere dense e oscure intervengono le tracce provenienti dall'ultimo lavoro "The Incarnation Of The Solar Architects", in pieno stile downtempo/ambient stratificato. Quasi nessuna delle tracce proviene invece dai precedenti lavori, ulteriore testimonianza della costante spinta evoluzionistica che si respira per tutto l'album, in cui le stesse tracce appaiono già trasfigurate rispetto alle recenti versioni in studio.
Inutile dire che il livello delle singole suite musicali è davvero altissimo e perfettamente fuso con le tematiche ermetiche proposte. Tematiche che piovono da tutte le direzioni, basti guardare il motto alchemico per eccellenza "Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem", ossia V.I.T.R.I.O.L., sulla copertina del box, del cd e della maglietta.
Anche i due cartoncini sopra menzionati recano due iscrizioni che a modo loro spingono nella stessa direzione, cioè da una parte "Studia e ricerca o sarai perduto" e dall'altra "Fai emergere la vera scienza", cioè ovviamente l'alchimia.
Insuperabili.

(14/07/2011)

  • Tracklist
  1. Transcendent Absolute
  2. Aion Teleos
  3. Orbital Movement
  4. A Lefthanded Sign
  5. The Memorizated Magnified
  6. The World Behind The World
  7. Conquer Time
  8. The Binoculars Of The Decades
  9. Canon Of Proportion
  10. Chapel Perilous
Inade su OndaRock
Recensioni

INADE

The Incarnation Of The Solar Architects

(2009 - Loki Foundation)
L'insonorizzazione di una cosmogonia ancestrale nel capolavoro dark-ambient del duo tedesco

Inade on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.